Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1206
RAGUSA - 28/04/2008
Sicilia - Palermo - A breve sarà convocata la prima seduta dell’Ars

Il neo presidente Lombardo si è
insediato a palazzo d´Orleans

"La lotta alla mafia è prioritaria: diamoci una scadenza": queste le prime parole pronunciate dal nuovo governatore della Sicilia Foto Corrierediragusa.it

La programmazione dei fondi europei, la semplificazione della legislazione, la lotta alla mafia, l´efficienza di servizi come la sanità, il credito, il sostegno alla famiglia. Di questi temi ha parlato Raffaele Lombardo (nella foto), nel suo primo discorso ufficiale da presidente pronunciato a Palazzo d´Orleans, davanti a una platea di ex presidenti, segretari di partito e rappresentanti della società civile. Tra le sue priorità, proprio la lotta alla criminalità organizzata.

"Abbiamo tanti sofisticati strumenti e l´impiego di tante intelligenze, che possiamo sperare che si fissi un termine con il governo centrale perchè la mafia possa essere vinta - ha sottolineato il leader autonomista -. Lavorerò con grande entusiasmo per lo sviluppo di questa terra confortato dalle sue grandi risorse". Quindi, un accenno all´esecutivo.

"Spero che la prossima giunta regionale, che mi auguro sia pronta entro dieci giorni, sia composta sia da politici sia da personalità tecniche. Certo, devo rispettare le indicazioni dal voto espresso dai siciliani. Poi vorrei far approvare una legge che ampli le competenze degli assessorati".

"Non capisco infatti perchè nei comuni e nelle province ci debbano essere 15 o 18 assessori e alla regione solo 12. Spero - ha aggiunto - che la prima seduta d´aula avvenga il 15 maggio rispettando i tempi previsti dalla legge dato che il 5 maggio ci sarà la proclamazione dei deputati eletti. E poi il 15 maggio inoltre ricorre il 62esimo anniversario dello statuto autonomistico. Sarà un´occasione per ricordare i valori che esso prevede".

E sulle trattative con il governo Berlusconi, ha auspicato un ministero affidato all´Mpa, "fa parte della logica dell´alleanza. Ma il nostro sarà un impegno programmatico. Non ne facciamo una questione di vita o di morte".

Il presidente della Regione, subito dopo la cerimonia di insediamento, ha iniziato a lavorare alla costruzione del suo staff, nominando capo di gabinetto il dottor Luigi Castellucci, attualmente dirigente generale del dipartimento ASO (Assistenza Sanitaria ed Ospedaliera) dell´assessorato regionale alla Sanità.

Castellucci, laureato in giurisprudenza, avvocato e professore di diritto, ha un´esprienza quarantennale nella pubblica amministrazione sopratutto fra Stato e Regione. Ha ricoperto per 15 anni l´incarico di capo di gabinetto in vari assessorati (Presidenza, Enti Locali e Beni Culturali), è stato dirigente dell´Ufficio Speciale per le Universiadi prima di essere nominato dirigente generale della Regione Siciliana.

Ha retto per 3 anni il dipartimento Fondo sanitario regionale, poi per 4 il Dipartimento Enti Locali e da quasi altri 3 è nuovamente alla guida del Dipartimento Assistenza Sanitaria ed Ospedaliera della Regione, incarico che per il momento manterrà ad interim. La scelta è ricaduta sul Dott. Castellucci in virtù dell´ampia esperienza maturata nei tre livelli dell´amministrazione della cosa pubblica: Stato, Regione ed Enti Locali.

(Fonte: lasiciliaweb.com)