Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 553
RAGUSA - 25/02/2008
Sicilia - Roma - Dopo l’accordo raggiunto con Berlusconi

Regionali: Lombardo al via

Il commento di Anna Finocchiaro: "Vogliono gestire il potere" Foto Corrierediragusa.it

La sfida è ufficialmente. In Sicilia per la corsa a palazzo dei Normanni sarà battaglia tra Raffaele Lombardo, che corre per il centrodestra, e Anna Finocchiaro, in campo per il centrosinistra.

L´isola, dunque, conferma di essere ´autonoma´ anche negli scenari politici: a differenza di quanto accade nel resto d´Italia, dove si confrontano il Partito Democratico e il Popolo della Libertà, in Sicilia si sono ricompattati i due schieramenti che si erano già fronteggiati nel 2006 sia alle politiche che alle elezioni regionali. La sinistra appoggia infatti la candidatura della senatrice del Pd, mentre Lombardo è riuscito a mettere assieme Pdl e Udc che invece, sulla scena nazionale, vanno separate.

A guidare la coalizione del centrodestra è il leader del Movimento per l´Autonomia Raffaele Lombardo che oggi ha aperto di fatto la sua campagna elettorale con una convention ad Acireale (Ct), dopo che ieri sera aveva avuto l´investitura da Berlusconi.

Il Cavaliere esprime la sua soddifazione per la chiusura dell´accordo che rende più forte l´obiettivo di un buon risultato a palazzo Madama. "Siamo sicuri - ha detto - che anche in Sicilia otterremo una grande vittoria che ci darà la possibilità di avere molti senatori in più". Soddisfazione resa ancora maggiore dall´essere riuscito a suggellare l´intesa senza arrivare alla rottura con Gianfranco Micciché.

Il presidente dell´assemblea regionale siciliana ha avuto questa mattina presto un incontro ´risolutivo´ con l´ex premier. "Sono soddisfatto - ha detto dopo - perché il presidente Berlusconi mi ha chiesto di essere garante di questo progetto di cambiamento e di rafforzamento della legalità per la Sicilia e per tutto il Sud". Tregua legata ad un accordo che prevede che l´attuale presidente dell´Ars, in caso di vittoria alle elezioni politiche, vada a ricoprire il ruolo di ministro per il Mezzogiorno, oltre che a seguire da vicino le vicende siciliane, così da non rinunciare al suo progetto di rinnovamento della politica nell´isola.

Micciché avrebbe poi ottenuto da Berlusconi l´impegno alla ricandidatura degli esponenti siciliani a lui più vicini. Il presidente dell´Ars, non volendo mollare il suo progetto di ´Rivoluzione siciliana´ ha chiesto dal suo blog agli internauti, che negli ultimi tempi hanno raggiunto un numero considerevole tra sostenitori e simpatizzanti, di voler creare una lista con loro, ed ha chiesto quindi di inviare i curriculum per scegliere i candidati.

Anche Anna Finocchiaro è intervenuta sull’accordo raggiunto a Roma tra Berlusconi e Lombardo-«Quello che e´ avvenuto in queste ore non e´ che l´epilogo naturale di una vicenda il cui unico obiettivo e´ la gestione del potere in Sicilia. E da questo punto di vista la candidatura "unitaria" di Lombardo sancisce la perfetta continuita´ con il precedente governo di centrodestra". Lo afferma Anna Finocchiaro, candidata del centrosinistra per la Regione Sicilia.

"Si tratta della conferma di una concezione del potere fatto di occupazione della pubblica amministrazione, di clientele, di inefficienze e di sprechi. Oggi tutto e´ uguale a ieri: Lombardo come Cuffaro. E in tutto questo la rivoluzione di Miccicche´ si "spegne" con una poltrona al Governo nazionale. Per noi non cambia nulla. Lo sapevamo e ce lo aspettavamo: si conferma ancora piu´ forte la necessita´ di un cambiamento per la nostra isola e oggi sono ancora piu´ convinta che accanto a noi ci saranno le risorse piu´ sane, le forze piu´ oneste, i talenti piu´ brillanti, le donne e i giovani della Sicilia".