Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 900
RAGUSA - 18/07/2011
Sicilia - Dramma a Canicattì, nell’Agrigentino

Gelosia: giovane pianta un cacciavite in testa al rivale in amore

Il giovane ferito è stato ricoverato in condizioni disperate all’ospedale di Sciacca. L’aggressore, un diciassettenne, è stato rinchiuso nel carcere minorile Malaspina di Palermo con l’accusa di tentato omicidio Foto Corrierediragusa.it

Pianta in testa il cacciavite che teneva nel suo scooter al termine di un litigio per una ragazza contesa. E´ finita così in tragedia a Canicattì, nell´Agrigentino, una banale discussione tra due ragazzi. Ora Calogero Giardina (foto) 24 anni è ricoverato in Rianimazione in condizioni disperate all´ospedale di Sciacca dove è stato trasportato in elisoccorso, mentre l´aggressore, A.F., 17 anni, è stato arrestato dopo qualche ora mentre girovagava per le città ed è stato richiuso nel carcere Malaspina di Palermo con l´accusa di tentato omicidio.

Gli inquirenti stanno anche vagliando la posizione di altre persone che potrebbero avere aiutato il minorenne a fuggire ed a disfarsi del cacciative e degli abiti insanguinati poi ritrovati in casa di un amico dell´aggressore. I fatti, secondo la ricostruzione della Polizia e dei carabinieri si sono verificati intorno alla mezzanotte. Il minorenne ha notato la sua ex ragazza in compagnia di Calogero Giardina ed ha così chiesto l´ennesimo "confronto". Non era infatti la prima volta che tra i due ci fossero discussioni. Stavolta però la zuffa è degenerata, tanto che gli amici del 24enne sono intervenuti per sedare quella che ormai era una vera e propria scazzottata. Quando tutto sembrava però finito ecco che il ragazzino di 17 anni è corso dove aveva parcheggiato il suo scooter e dal vano porta oggetti ha preso un cacciavite. Poi è andato verso Calogero Giardina e gli ha piantato in testa l´attrezzo.

Davanti al bar del centralissimo viale della Vittoria a quell´ora affollato da centinaia e centinaia di giovani è scoppiato il caos. Giardina è stato subito trasportato dai suoi amici al pronto soccorso dell´ospedale Barone Lombardo di Canicattì che dista poche centinaia di metri dal luogo dell´aggressione. I medici, viste le condizioni critiche di Giardina, hanno immediatamente allertato l´elisoccorso che ha trasportato il giovane a Sciacca dove ora si trova ricoverato in condizioni disperate. Ora gli investigatori stanno cercando di verificare la posozione di altre persone, almeno due, che potrebbero avere aiutato il minorenne a mettere in atto la sua assurda vendetta per gelosia.