Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 855
RAGUSA - 02/10/2010
Sicilia - Ragusa: sfruttamento di immigrati scoperto con l’operazione "Uomini e caporali 2"

Lavoro nero, arrestati un domestico e 2 avvocati

Due persone sono irreperibili. I legali arrestati sono Francesco Caruso, di Pachino, al quale il Gip ha concesso gli arresti domiciliari, e Aldo Valtimora, di Siracusa, che è stato condotto invece in carcere

C´era anche un cittadino del Bangladesh impiegato come domestico a Modica tra le persone finite in manette nell´ambito dell´operazione della Polizia di Siracusa contro il lavoro nero e lo sfruttamento di clandestini fatti arrivare in Italia con la falsa promessa di un regolare contratto in cambio di una cifra compresa tra i 4 e i 5 mila euro. L´operazione "Uomini e caporali 2" si è svolta tra le province del capoluogo aretuseo, Catania, Enna e Ragusa, con particolare riferimento a Modica.

Agenti della Digos della Questura hanno eseguito 14 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di due professionisti, diversi imprenditori agricoli e alcuni stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno, tra cui il domestico del Bangladesh che lavorava a Modica, alle dipendenze di una famiglia del tutto ignara dei traffici dell´immigrato.

I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal gip Giuseppina Storaci su richiesta del sostituto procuratore Filippo Focardi, ipotizzando, a vario titolo, i reati di favoreggiamento dell´immigrazione clandestina, corruzione, falsità ideologica in atto pubblico e violazione delle leggi sull´immigrazione.

Nella fattispecie, ci sono due avvocati e sette imprenditori agricoli italiani tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi eseguiti dalla Digos nell´ambito dell´operazione sui presunti falsi contratti lavoro per clandestini che ha portato all´emissione di un ordine di custodia cautelare per 14 indagati. Due persone sono irreperibili. Gli avvocati sono Francesco Caruso, di Pachino, al quale il Gip ha concesso gli arresti domiciliari, e Aldo Valtimora, di Siracusa, che è stato condotto invece in carcere.

Valtimora era agli arresti domiciliari dal febbraio scorso in esecuzione di un ordine di cautelare emesso dal Gip di Napoli nell´ambito di un´inchiesta che era stata avviata dalla Dda della Procura di Catania su presunti falsi permessi di soggiorno a extracomunitari, e anche a nigeriane che sarebbero poi state ridotte in schiavitù da "maman" residenti a Napoli, in cui è indagato anche il parroco della chiesa di Bosco Minniti di Siracusa, Carlo D´Antoni. Il sacerdote è completamente estraneo all´operazione "Uomini e caporali 2".