Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1111
PALERMO - 29/06/2010
Sicilia - Palermo: tempi duri per l’ex presidente della Regione siciliana

Chiesta dai pm la condanna a 10 anni per Totò Cuffaro

Sotto processo per concorso in associazione mafiosa. "I fatti di cui lo accusiamo sono veramente gravi, stipulò un patto politico con Cosa nostra"

I pm Nino Di Matteo e Francesco Del Bene hanno chiesto la condanna a dieci anni di reclusione per l´ex presidente della Regione siciliana, Salvatore Cuffaro, senatore dell´Udc. L´ex governatore è accusato di concorso in associazione mafiosa nel processo che si svolge con il rito abbreviato davanti al gup di Palermo, Vittorio Anania. La pena richiesta tiene conto della riduzione di un terzo previsto dal rito abbreviato.

I pm hanno deciso di non chiedere le attenuanti generiche per il senatore Udc "perché i fatti di cui lo accusiamo sono veramente gravi anche per il suo ruolo di governatore regionale: per questa sua veste poteva partecipare in alcuni casi al Consiglio dei ministri".

"Abbiamo dimostrato - hanno detto - che il sistema di controinformazioni messo in piedi da Salvatore Cuffaro assieme a Antonio Borzacchelli, Giorgio Riolo, Giuseppe Ciuro, era puntato a scoprire indagini sui rapporti tra la mafia e esponenti politici o a lui collegati. E´ proprio la natura delle informazioni che ci fa capire la portata di questo sistema e di come si possa configurare l´accusa di concorso in associazione mafiosa".

Le testimonianze di pentiti e di soggetti vicini all´imputato hanno dato, secondo i pm, ulteriore conferma alle accuse. "Fin dal 1991 i contatti con Angelo Siino - ha detto Del Bene - dimostrano l´esistenza del patto politico-mafioso stretto da Cuffaro con esponenti di Cosa nostra".

Dopo la requisitoria Cuffaro ha ribadito i concetti espressi in questi mesi: "La mia fiducia nelle istituzioni e nella giustizia mi impone il rispetto per il ruolo dei pubblici ministeri. E´ chiaro che non condividiamo le loro conclusioni e che io e i miei avvocati porteremo il nostro contributo per fare emergere la verità".

(Fonte: lasiciliaweb)