Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 21 Novembre 2018 - Aggiornato alle 17:53
PALERMO - 12/09/2018
Sicilia - Lo strano caso del data center ubicato ad oltre mille km di distanza dalla loro sede naturale

Dalla Val d´Aosta a Palermo i server della Regione

Si realizzerà un risparmio di diverse centinaia di migliaia di euro Foto Corrierediragusa.it

I server della Regione siciliana saranno custoditi nel centro tecnico di Sicilia digitale a Palermo. Il Data center di Pont-Saint-Martin che ospitava alcuni sistemi informatici di Engineenering, l´ex socio privato di Sicilia e-Servizi, che con la società è in contenzioso da tempo, è stato sgomberato e l’infrastruttura informatica del polo della Val d’Aosta è stata trasferita nella sede palermitana. Dopo quasi 5 anni di alterne vicende, l’ex socio privato non avrà più rapporti con la società Sicilia digitale e con l’amministrazione regionale. Spenti quelli valdostani, quei server e i servizi informatici regionali non dipenderanno più dall´ex socio privato Engineering, ma saranno nella disponibilità di Sicilia digitale che li gestirà in autonomia.

Soddisfatto l’assessore regionale all’Economia e vicepresidente della Regione siciliana, Gaetano Armao (foto): «In pochi mesi, grazie al lavoro dell’Autorità regionale per l’Innovazione tecnologica, siamo riusciti a concludere un iter lungo e complicato. Abbiamo accelerato le operazioni e siamo riusciti a replicare a Palermo l’intero sistema di Pont Saint Martin. Un’operazione che permetterà alla Regione di risparmiare diverse centinaia di migliaia di euro e di gettare le basi per la creazione di un Data center di livello regionale che sorgerà nell’ex Asi di Brancaccio. Il nostro obiettivo è quello di centralizzare tutti i sistemi informatici e creare un grande Polo strategico, previsto dal progetto dell’Agenda digitale nazionale, in grado di gestire tutti i Ced, i server degli assessorati regionali e di tutta la pubblica amministrazione siciliana, dai Comuni alle ex province, dagli enti alle aziende sanitarie, utilizzando anche le tecnologie in cloud che velocizzeranno questo processo».