Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Luglio 2018 - Aggiornato alle 14:46
PALERMO - 14/12/2017
Sicilia - Si tratta di 282 milioni da destinare a manutenzioni e servizi

Soldi ai comuni, firmato il decreto di assegnazione fondi

A Ragusa un milione 309 mila euro, Vittoria un milione 189 mila, Modica un milione 117mila, Comiso 620 mila Foto Corrierediragusa.it

L’assessore regionale per l’Economia, Gaetano Armao (foto), e quello per le Autonomie locali, Bernardette Grasso, hanno firmato il provvedimento di assegnazione dei fondi (282 milioni di euro) da trasferire ai Comuni per il 2017. «Nella consapevolezza che le risorse ripartite sono inferiori a quelle inizialmente previste, e non per colpa di questo governo -ha dichiarato l’assessore Grasso- con conseguente penalizzazione dei Comuni aventi una popolazione superiore ai cinquemila abitanti, voglio assicurare una particolare attenzione del governo Musumeci verso gli Enti locali, al fine di valutare la possibilità di incremento delle risorse nella Legge di Stabilità per l’anno 2018». Dal canto suo, il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha ammesso che "c’è tanto da lavorare per rimettere Comuni e Province nelle condizioni di tornare ad essere il primo punto di riferimento sul territorio e di assicurare le risorse necessarie per i servizi essenziali, senza ritardi, interruzioni e incertezze. E la Regione deve tornare ad essere sostegno e non controparte, come finora è apparsa, nell’attività di protagonismo degli Enti locali in Sicilia". Tra i comuni iblei beneficiari ci sono il capoluogo cui sono stati assegnati un milione 309 mila euro, Vittoria un milione 189 mila euro, Modica avrà un milione 117 mila euro e Comiso 620 mila euro. Le somme saranno disponibili non appena il decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione.