Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:23 - Lettori online 609
PALERMO - 26/08/2017
Sicilia - Già preso il presunto killer

Agguato al mercato del Capo: un morto

La vittima è Andrea Cusimano, 30 anni Foto Corrierediragusa.it

L´agguato è scattato alle 7,30 del mattino, all´apertura del mercato del Capo, a pochi passi dal palazzo di giustizia. Un commerciante di frutta e verdura, Andrea Cusimano, 30 anni, è stato affrontato da un uomo, che gli ha sparato contro diversi colpi di pistola. Alcune pattuglie dei carabinieri, che facevano servizio nella zona, sono subito intervenute. Un uomo è stato bloccato, si tratta di Calogero Pietro Lo Presti, 23 anni, pluripregiudicato, che è nipote del boss Calogero Lo Presti, uno dei ras di Cosa nostra che comandano su Porta Nuova, ma anche cugino di secondo grado di Tommaso Lo Presti, altro autorevole padrino della famiglia.

Secondo le prime ricostruzioni, la vittima, che aveva una bancarella di frutta prima di Porta Carini, la storica porta da cui comincia il mercato, è stato affiancato da due uomini, uno dei quali Lo Presti, a bordo di una Smart. Lo Presti è sceso è ha iniziato a sparare a Cusimano, che è fuggito dentro al mercato. Il killer l´ha inseguito sparandogli più volte fin quando l´ha visto cadere. Tracce di sangue sono ancora visibili a terra. Lo Presti è poi tornato in auto. Nel frattempo, prima che il complice potesse allontanarsi dalla zona, sono arrivati due carabinieri. Uno dei militari ha costretto l´assassino a scendere dalla macchina, nella colluttazione il carabiniere è rimasto lievemente ferito. Il complice ha lasciato la Smart ed è riuscito a fuggire a piedi. Gli investigatori lo stanno cercando.

L´arma usata per uccidere Andrea Cusimano al mercato del Capo è un revolver di marca ´Lebel´ di fabbricazione francese, calibro 8. I carabinieri l´hanno ritrovata in un piccolo cortile del mercato, dove il killer l´aveva gettata cercando di disfarsene.

Repubblica Palermo