Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 13:02 - Lettori online 1021
PALERMO - 20/08/2017
Sicilia - Il candidato pentastellato è già in campagna elettorale da tempo

Alleanze in alto mare per le Regionali

Nel centro sinistra e nel centro destra è tutto da definire Foto Corrierediragusa.it

Alleanze tutte in alto mare ed il numero dei candidati alle prossime regionali si ferma al momento a Giancarlo Cancelleri (nella foto con il leader del M5S Grillo). Il candidato pentastellato è già in campagna elettorale da tempo e ha fatto il tour della Sicilia con Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio che lo hanno accompagnato sulle piazze. Nel centro sinistra e nel centro destra è tutto da definire e molto conta dalla posizione che assumerà Angelino Alfano. Alleanza Popolare è il movimento più corteggiato perché il suo pacchetto di voti può far pendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra. Ma è proprio il nome di Alfano a spaccare gli schieramenti. Berlusconi vuole limitare l’accordo con l’ex delfino solo alla Sicilia e punta ad un ticket Musumeci-Armao. Musumeci dovrebbe essere il candidato presidente del centro destra ma suscita malumori perché considerato troppo spostato a destra ed allora Berlusconi chiede una figura più moderata come Gaetano Armao, ex autonomista e assessore di Raffaele Lombardo, cui ora piace definirsi «indignato». Alla fine il candidato del centro destra uscirà tra i due ma è tutta da vedere la posizione degli alfaniani.

A sinistra Orlando ha già detto no al ministro degli esteri così come Sinistra italiana, Articolo 1 e Rifondazione. Per presentarsi unito il centro sinistra dovrà fare a meno dei voti di Alfano e pensa ad una figura come l’attuale rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari che h dato la sua disponibilità. Nel variegato mondo della sinistra si muove il renziano Davide Faraone che sta girando la Sicilia con un porta a porta degno di altri tempi. C’è poi l’incognita Rosari Crocetta che vuole autocandidarsi, forte del suo consenso personale. Il centrista Giampiero D’Alia è il nome che potrebbe mettere tutti d’accordo nel Pd se si dovesse scegliere l’accordo con Alfano. Tante le incognite da sciogliere mentre il tempo stringe e la Sicilia potrebbe ripresentarsi alle elezioni del prossimo Novembre con i tre candidati di cinque anni fa, Cancelleri, Musumeci e Crocetta. Tanto per cambiare.