Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 740
PALERMO - 04/10/2016
Sicilia - Si articola su impianti di valorizzazione rifiuti e sulla differenziata

Giunta regionale approva piano rifiuti

In tutto i sette termovalorizzatori dovranno trattare 750 mila tonnellate di rifiuti l’anno Foto Corrierediragusa.it

La giunta Crocetta ha approvato il nuovo piano rifiuti. Si articola su impianti di valorizzazione dei rifiuti e raccolta differenziata. Grazie a queste misure dovrebbe essere sempre meno necessario ricorrere all’utilizzo delle discariche che ormai sono al limite della capienza. Gli impianti di valorizzazione (evoluzione dei vecchi termovalorizzatori) saranno sette in tutta l’isola. Due con una capacità da 200 mila tonnellate a Palermo e Catania, possibilmente nei siti dove si trovano già le discariche. Gli altri cinque sono dislocati tra Ragusa (forse presso la discarica di Cava dei Modicani) e Siracusa per una capacità di 97 mila tonnellate, nel trapanese, nel nisseno, agrigentino e messinese. In tutto i sette termovalorizzatori dovranno trattare 750 mila tonnellate di rifiuti l’anno. Crocetta ha lasciato libertà alle Ssr, che hanno preso il posto degli Ato, di decidere come finanziare e dove ubicare concretamente gli impianti. Sulla carta le società potranno anche stabilire di sdoppiare gli impianti puntando su termovalorizzatori più piccoli per avere meno impatto sull’ambiente. La giunta ha anche approvato direttive per indurre i comuni ad innalzare la quota della raccolta differenziata, che in Sicilia dovrebbe raggiungere il 65 per cento ma è ancora ferma ad una media del 20 per cento.