Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 570
PALERMO - 24/09/2016
Sicilia - I dettagli resi noti dal presidente della Regione

Patto per la Sicilia con mille e 100 cantieri

Ognuno dei comuni siciliani avrà almeno un cantiere aperto Foto Corrierediragusa.it

Il Patto per la Sicilia vale mille e 100 cantieri e 5,7 miliardi di euro nell’arco di 5 anni. Il Presidente della regione, Rosario Crocetta (foto), ha illustrato in conferenza stampa nel dettaglio l’accordo sottoscritto con il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Ognuno dei comuni siciliani avrà almeno un cantiere aperto, anche se la macchina amministrativa e burocratica sia locale sia regionale si dovrà dimostrare all’altezza del compito rilasciando le autorizzazioni in modo celere. Questa è la scommessa tutta siciliana del Patto visto che precedenti investimenti sono andati molto per le lunghe. Basti pensare all’autostrada Siracusa-Gela, al porto di Pozzallo, alla Ragusa-Catania per parlare solo di quelle riferibili all’area iblea. A questo proposito il presidente ha detto: "Ci sono opere sovracomunali che verranno gestite dalla Regione, altre dai Liberi consorzi e altre ancora di riqualificazione urbana che saranno gestite dai Comuni. Moltiplicheremo gli enti di gestione delle attività -ha aggiunto- in modo da mettere in campo il pluralismo più diffuso e consentire agli assessorati competenti l´attività necessaria di controllo".

La Sicilia spenderà oltre mezzo miliardo di euro per il dissesto idrogeologico dell´isola. In particolare sono previsti 593,51 milioni di euro per sistemare il territorio siciliano. Inoltre, sono previsti oltre 462 milioni di euro per Acque e Rifiuti, 223 milioni di euro per le infrastrutture strategiche viarie, 193 milioni di euro per interventi su Beni culturali, 175 milioni per la viabilità, 163 milioni per la riqualificazione urbana, 151 milioni di euro per le aree industriali,120 milioni per il territorio, 60 milioni per l´edilizia pubblica, 50 milioni di euro per i contratti di sviluppo, 49,8 milioni per l´impiantistica sportiva, 45 milioni per le infrastrutture portuali, 23 milioni per il turismo, 8,5 milioni per la ricerca e 3,1 milioni per l´energia alternativa.

Rosario Crocetta ha assicurato che già nei prossimi mesi e nel 2017 saranno avviati cantieri per due miliardi e 320 milioni di euro. Ma su questo Patto vi sono delle ombre, sembra infatti che molti stanziamenti fossero già stati messi a capitolo in anni precedenti, ma mai utilizzati per svariati motivi. Questa tesi viene sostenuta dal presidente del gruppo Forza Italia all’Ars, Marco Falcone, che ha espresso tutte le sue perplessità: «In considerazione della manifesta incapacità del governo regionale – ha detto Falcone - Forza Italia ha fondato motivo di ritenere questo Patto, una mera enunciazione di progetti, alcuni dei quali sole idee progettuali».

Crocetta è tornato sulla spinosa questione, focalizzando l’attenzione su alcuni punti del Piano, fra cui quello relativo ai porti per i quali previsti interventi per la piccola portualità per 19 milioni di euro. Gli interventi riguardano tra gli altri i porti di Lampedusa, Lipari, Vulcano, Castellammare del Golfo.

«La programmazione complessiva del Patto con il Sud -ha spiegato il Presidente della Regione - concepita all’interno di assi prioritari che abbiamo scelto ammonta a 5,7 miliardi. Oltre 2 miliardi sono per opere cantierabili già nel 2016-2017».