Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1045
PALERMO - 22/09/2016
Sicilia - L’Ars ha approvato la "manovrina", 9 milioni destinati ai Liberi Consorzi siciliani

Soldi per ex Province, salvi servizi per disabili

A Ragusa servono 600 mila euro per garantire assistenza e trasporto fino alla fine del’anno Foto Corrierediragusa.it

Soldi in arrivo per le nove ex province. La mini manovra approvata dall’Ars stanzia nove milioni per gli enti ormai a corto di liquido. Sarà possibile pagare gli stipendi ai dipendenti e soprattutto garantire i servizi ai portatori di handicap che frequentano le scuole superiori. C’era infatti molta preoccupazione in associazioni ed enti che si occupano dell’assistenza i disabili perché i servizi di assistenza personale e di trasporto venissero garantiti con l’inizio dell’anno scolastico. A Ragusa, per esempio, servono 600 mila euro per garantire il servizio fino a dicembre e la manovra approvata dall’aula farà arrivare le risorse perché i servizi vengano finalmente avviati con grande sollievo delle famiglie.

Sono stati inoltre stanziati 3,7 milioni per l´abbattimento dei canoni irrigui dei Consorzi di bonifica. I canoni erano stati infatti aumentati dai Consorzi per autofinanziarsi gravando sui contribuenti. ed approvate norme in favore dei comuni in dissesto, per i quali la somma già stanziata nella legge di bilancio è stata aumentata da 800 mila euro a un milione e 350 mila. Di contro, è stata decurtata di 550 mila euro (passando da 800 a 250 mila euro) l’autorizzazione di spesa per la collocazione indisponibilità del personale dipendente degli enti locali in dissesto.
La manovra ha avuto 42 voti a favore, 10 contrari e 13 astenuti. Sala d’Ercole ha così dato il via libera alla mini finanziaria. La «manovrina» vede la luce dopo oltre un mese dall’inizio della discussione, era il 10 agosto, in cui è iniziato l’esame del disegno di legge.