Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1101
PALERMO - 26/08/2016
Sicilia - Si prospettano nuove difficoltà

Anffas: "Nessuna certezza per gli alunni disabili"

A pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico Foto Corrierediragusa.it

Poche settimane all’inizio dell’anno scolastico e per gli alunni con disabilità si prospettano difficoltà. Inclusione problematica per tutti gli studenti di ogni ordine e grado in Sicilia per via del taglio delle risorse alle ex province che sono in serie difficoltà per assicurare i servizi di trasporto, assistenza e cura degli studenti. L’Anffas Sicilia ha preso posizione, rilanciando un tema di grande valenza sociale, e si dice preoccupata nonostante la risoluzione presentata dalla Commissione Bilancio all’Ars con la quale «si impegna il Governo ad istituire in tempi brevi un tavolo tecnico che coinvolga gli Enti Locali , le famiglie e i sindacati dei lavoratori al fine di individuare le soluzioni necessarie per consentire che gli studenti disabili entro l’inizio del nuovo anno scolastico possano godere del servizio di assistenza igienico – personale erogato da personale specializzato e dotato di titoli e esperienza necessari e a porre in essere tutti gli atti necessari per il trasferimento delle relative risorse ai liberi Consorzi Comunali al fine di assicurare lo svolgimento delle attività socio assistenziali per gli studenti disabili». Un atto di indirizzo, poco più, che Anffas Sicilia ritiene che il provvedimento adottato dalla commissione non sarà capace di produrre gli effetti annunciati in tempi utili all’ avvio del nuovo anno scolastico, perpetuandosi così ,con buona probabilità, le criticità già vissute dagli alunni e studenti con disabilità negli anni scolastici precedenti.
L’associazione vigilerà sulle modalità e sui tempi previsti nella risoluzione pronta a coinvolgere l’opinione pubblica, a denunciare e a porre in essere tutte le azioni ritenute utili per la tutela dei diritti degli alunni e studenti con disabilità.L’assistenza igienico-personale rappresenta comunque solo un aspetto del più articolato sistema di assistenza agli alunni e studenti con disabilità.

Infatti resta ancora da chiarire con quale modalità e con quale disponibilità finanziaria il Governo Siciliano potrà fare fronte al Servizio Trasporto e al servizio di Assistenza all’Autonomia e Comunicazione, considerato che , per gli studenti con disabilità frequentanti gli istituti superiori, questi servizi erano a carico delle ex provincie , oggi soppresse, e considerato che in Sicilia non si è completata la legge di riordino degli enti di aria vasta. A ciò si aggiunga che la Sicilia, insieme alle altre Regioni a Statuto Speciale, sono state escluse senza motivate ragioni da parte dallo Stato Centrale, dal provvedimento inserito nell’ ultima legge di Stabilità che prevedeva il riparto di circa 70 milioni di Euro destinati proprio all’assistenza, all’autonomia e comunicazione.


SEMPRE PIU´ DISCRIMINATI
26/08/2016 | 15.59.21
MILENA

NON HO ANCORA CAPITO PERCHE´ SEMPRE ALL´INIZIO DI OGNI ANNO SCOLASTICO, I DISABILI DOBBIAMO AVERE SEMPRE STI´ PROBLEMI, COS´E´ ABBIAMO LA STELLA IN FRONTE, GIA´ OLTRE GLIA ALTRI PROBLEMI.........L´OPINIONE PUBBLICA ORA FACCIA LE PROPRIE CONCLUSIONI......