Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1356
PALERMO - 26/08/2016
Sicilia - Saranno 4 mila 600 i posti a disposizione

Gli insegnanti siciliani non si spostano più?

Lo rende noto l’on Dipasquale Foto Corrierediragusa.it

Il Ministero dell’Istruzione sta per ufficializzare, con una propria nota, una notizia importantissima per i docenti siciliani che, per via della Legge 107/2015, rischiavano di doversi trasferire altrove. Saranno difatti 4 mila 600 i posti a disposizione per le assegnazioni provvisorie per gli insegnanti in Sicilia, permettendo ai docenti di poter accedere alle classi di concorso per il sostegno pur appartenendo a classe di concorso diversa, così come enunciato nel Crri. E´ quanto assicurato dall´on Nello Dipasquale del Pd, che dichiara: «Nell´ambito delle assegnazioni provvisorie interprovinciali, i Dirigenti degli Uffici scolastici territoriali potranno attribuire posti di sostegno a docenti titolari su posto comune che non abbiano ottenuto l’assegnazione provvisoria su posto comune, dopo aver accantonato un numero di posti corrispondente ai docenti specializzati aspiranti a rapporto di lavoro a tempo indeterminato e determinato».

Al vaglio del Ministero, inoltre, è la possibilità di far frequentare a questi insegnanti un corso di formazione apposito per occuparti di una platea di studenti molto delicata, cioè quelli con delle disabilità, in modo da non destare preoccupazione nelle famiglie sulla qualità dell’insegnamento per i propri cari. "Voglio ringraziare - conclude Dipasquale - per l’impegno il Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone che ha raccolto le legittime lamentele provenienti dal mondo della Scuola e ha lavorato per riuscire a limitare i casi di trasferimento dei docenti".

Nella foto una delle recenti proteste dei docenti siciliani