Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 910
PALERMO - 11/08/2016
Sicilia - Subito dopo Ferragosto pubblicate le gare per gli appalti dei nuovi impianti

Rifiuti, sì di Crocetta ai termovalorizzatori

"In un mese in regola le discariche, evitando di pagare multe salatissime per infrazioni comunitarie" Foto Corrierediragusa.it

Il governo Crocetta sta lavorando alla stesura di bandi per dotare la Sicilia di termovalorizzatori di piccole dimensioni e a basse emissioni, rigassificatori o impianti di trattamento dei rifiuti liquidi.
Ad annunciarlo in conferenza stampa a Palazzo d´Orleans, è il governatore Rosario Crocetta, insieme al dirigente del dipartimento rifiuti Maurizio Pirillo. "Dopo Ferragosto pubblicheremo le gare internazionali -ha detto Crocetta- Al di là delle visioni ideologiche, è fondamentale chiudere il ciclo del trattamento dei rifiuti attraverso la realizzazione di piccoli impianti fuori dai centri abitati e a emissioni zero. Intanto i comuni devono aumentare la raccolta differenziata, è grave che in media nell´isola sia intorno all´11%". Allo studio del governo c´è anche un bando internazionale per raccogliere manifestazioni d´interesse di aziende disposte a raccogliere la frazione secca dei rifiuti prodotta in Sicilia.

Per Crocetta l’azione sugli impianti deve partire entro l’autunno per scongiurare un’altra grande emergenza rifiuti in Sicilia tra due anni visto che on è più possibile aprire nuove discariche e quelle attuali sono al limite della capienza. Il presidente si è dichiarato soddisfatto per quello che è stato fatto nel tamponare l’emergenza rifiuti: «C’è stata una inversione di tendenza globale nel sistema rifiuti. In un mese abbiamo messo in regola le discariche siciliane, evitando di pagare multe salatissime per infrazioni comunitarie. I rifiuti vengono ora biostabilizzati ed abbiamo in itinere una serie di progetti per l’ampliamento delle discariche.