Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1148
PALERMO - 17/07/2016
Sicilia - Tutti i dati nel dossier presentato da Goletta Verde

"Mare Monstrum" in Sicilia: 3 mila reati

Numeri impressionanti che raccontano però anche quanto sia stato straordinario il lavoro svolto da forze dell’ordine Foto Corrierediragusa.it

Pesca di frodo, cemento illegale, inquinamento: sono oltre 3 mila i reati a danno del mare accertati dalle forze dell’ordine nel corso del 2015 lungo le coste della Sicilia, praticamente 8,2 infrazioni al giorno, due reati per ogni chilometro di costa, il 16,4% dei reati registrati in Italia. Numeri da capogiro che piazzano la Sicilia al secondo posto in Italia nella poco lusinghiera classifica del dossier Mare Monstrum di Legambiente. A far peggio solo la Campania. Le due regioni, da sole, rappresentano un terzo di tutti i reati accertati nella Penisola. A fare da contraltare però ci sono le anche buone notizie: i comportamenti virtuosi, i provvedimenti e i sempre maggiori controlli che si stanno mettendo in campo. A partire dalle esperienze delle Aree marine protette, veri baluardi della difesa del mare e delle coste di questa terra, che in questi anni hanno saputo coniugare opere di difesa e tutela con azioni di valorizzazione e promozione turistica, sempre più rispettosa dell’ambiente e dello sviluppo del territorio.

Proprio dall’area marina delle Isole Egadi e da Favignana, dove sta facendo tappa la Goletta Verde la storica imbarcazione ambientalista a tutela del mare e delle coste italiane, Legambiente rilancia la necessità di dare sempre maggiore peso e moltiplicare queste esperienze. Temi affrontati nei Giardini di Palazzo Florio a Favignana con l’incontro «30 anni dalla Parte del Mare», a corredo della mostra allestita presso l’Ex Stabilimento Florio realizzata con il patrocinio del ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del mare e la collaborazione dell’area marina protetta delle Isole Egadi e di Federparchi. Una carrellata su tre decenni di politiche ambientali che racconta come l’Italia, nonostante tutto, sia cambiata in termini di difesa, tutela e innovazione. A seguire ci sarà una visita guidata al Centro di primo soccorso per Tartarughe Marine dell’Amp, che attualmente ospita due esemplari di Caretta caretta recentemente recuperate a largo di Favignana.

«Le infrazioni ai danni del mare registrate in Sicilia nel corso del 2015 sono impressionanti: 3 mila 21 reati, 3 mila 257 persone arrestate e denunciate e 482 sequestri – spiega Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia - sono numeri da capogiro che ci raccontano però anche quanto sia stato straordinario il lavoro svolto da forze dell’ordine, Capitanerie e procure nell’ultimo anno contro chi continua a depredare il nostro territorio. Abbiamo vinto tante battaglie contro gli oltraggi al nostro prezioso patrimonio ambientale, a partire dalla nuova legge sugli ecoreati, ma molto resta ancora da fare come dimostrano oggi i nostri dati, sia contro il cemento e gli abusi edilizi che rovinano irreparabilmente la bellezza delle nostre coste che contro gli scarichi e le sostanze inquinanti che in mare vengono sversate ogni giorno. Occorre sempre più rafforzare i controlli, punire di oltraggia il mare, ma anche rafforzare gli straordinari esempi di tutela, come le Aree marine protette della nostra Isola».

A fare la parte del leone, secondo i dati del dossier di Legambiente, è il settore della pesca di frodo dove si contano addirittura mille 529 infrazioni accertate, mille 553 persone denunciate e 180 sequestri: numeri da record che fanno balzare la Sicilia al primo posto in questa classifica, così come in quella per quantità di prodotti ittici sequestrati (587 mila 546 chilogrammi). Seguono i reati legati alla navigazione fuorilegge (578 infrazioni, 581 persone denunciate); ma a preoccupare sono anche i reati legati al ciclo del cemento, con 462 infrazioni accertate, 505 persone denunciate e 115 sequestri; e alla cattiva depurazione e agli scarichi selvaggi che sono state 452 (con 638 persone denunciate e 175 sequestri).

«Alle Egadi – spiega il direttore dell’Area marina protetta Stefano Donati – abbiamo avviato un forte contrasto alle attività illecite in mare, in particolare contro lo strascico illegale sotto costa, che con i dissuasori e il controllo satellitare si è ridotto dell’85%. Abbiamo poi puntato sulla prevenzione, moltiplicando la presenza del personale dell’Amp in mare, di cui sono protagonisti i ragazzi delle isole, e con un rapporto sempre più stretto con la Capitaneria di porto e le altre autorità preposte al controllo. Abbiamo dato il nostro contributo alla proposta di revisione della legge nazionale sui parchi, facendo inserire l’obbligo del sequestro immediato del mezzo nautico dei bracconieri per contrare ancora di più il fenomeno dei «ricciaioli» e della pesca illegale in genere. Azioni che si affiancano al nostro ruolo di marketing territoriale per un turismo davvero sostenibile, ma anche di difesa e valorizzazione del prezioso ecosistema e della eccezionale biodiversità di questi fondali, a partire dal centro di primo soccorso per tartarughe marine dell’Amp, che in questi giorni ospita due esemplari».