Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 852
PALERMO - 30/06/2016
Sicilia - Nel Mediterraneo

Dieci donne morte in ennesima tragedia del mare

La nave Diciotti ha effettuato le operazioni di salvataggio Foto Corrierediragusa.it

Un gommone affondato e dieci cadaveri in mare, tutte donne. È la drammatica scena che si è trovata davanti la nave Diciotti della Marina militare italiana. L´ultimo naufragio nelle acque del Mediterraneo, a circa venti miglia dalle coste libiche, si è verificato giovedì mattina. La centrale operativa di Roma della Guardia costiera ha ricevuto una richiesta di soccorso e ha inviato l´imbarcazione, che, però, non ha fatto in tempo a salvare tutti: secondo le prime ricostruzione, quando è arrivato sul luogo, il gommone era già semi affondato e molti migranti erano in acqua. Ne sono stati salvati 107, tra cui diverse donne e bambini. Mentre i corpi di dieci donne sono stati recuperati senza vita. Il naufragio potrebbe essere avvenuto a causa delle pessime condizioni meteo: mare forza tre, vento a trenta nodi e onde alte due metri.

La nave Diciotti ha continuato le operazioni di salvataggio, soccorrendo altre 116 persone a bordo di un altro gommone che si trovava poco lontano dal luogo dove è naufragato il gommone. Proprio sulla precarietà di questi gommoni usa e getta, fabbricati in Cina e al centro di un nuovo business dei trafficanti, indagherebbero le Procure di Catania e Palermo.