Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 577
PALERMO - 27/03/2016
Sicilia - Un appello in nome e per conto della Sicilia

Camilleri e Buttafuoco in difesa della cultura

Grido d’allarme al Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini Foto Corrierediragusa.it

Appello in nome della Sicilia per valorizzare il patrimonio culturale. Trenta rappresentanti del mondo della cultura, teatro, letteratura, cinema, hanno rivolto un appello accorato al Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini per intervenga al più presto con provvedimenti efficaci ed incisivi perché la tendenza sia invertita. I primi firmatari dell’appello sono Andrea Camilleri (foto) e Pietrangelo Buttafuoco, che pur provenendo da mondi e culture diverse, sono sulla stessa lunghezza d’onda. «Siamo un gruppo di siciliani, scrittori, poeti, artisti ma anche gestori di alberghi e di locande, librai, chef e guide turistiche: gente che fa cultura, vive di cultura e fa vivere di cultura. La situazione che si sta profilando in Sicilia è attualmente disastrosa e – con un degrado che non è solo imputabile alla scarsità dei bilanci – rischia di peggiorare di giorno in giorno. I media hanno dato notizia dell’assurdo rischio miracolosamente scampato: quello della chiusura pasquale dei siti archeologici, dei musei e dei parchi perché considerati come lavoro straordinario. E anche se lo fosse? Come si fa già a concepire la chiusura in un periodo in cui l’affollamento dei turisti è maggiore del solito? Non è pensabile di affidarsi, di volta in volta, ai miracoli sollecitati dalle polemiche e dal clamore dei giornali.

Gli operatori turistici lavorano quando gli altri sono in vacanza, cosa ovvia dappertutto ma non in Sicilia dove – e su La Repubblica, edizione di Palermo, si è avuta notizia – i tour operator internazionali hanno dovuto cancellare dalle proprie offerte la tappa nella più importante isola del Mediterraneo per non essere riusciti a garantire ai propri clienti le escursioni nei siti archeologici, nei parchi e le visite ai musei. La Settima Santa di Passione – coi suoi Riti e le sue Processioni – in Spagna è motivo di forte richiamo turistico ma non così in Sicilia dove pure è vissuta con lo stesso carico di storia e sontuosa bellezza, e i reportage di Leonardo Sciascia e Ferdinando Scianna, fino ad arrivare agli scatti di Peppe Leone, ne sono testimonianza. Per un cittadino italiano è più facile raggiungere le Baleari che la Sicilia – tanto le compagnie aeree vampirizzano sulle rotte – e proprio adesso che la tensione militare porta i vacanzieri dalle coste del Nord Africa altrove, ma pur sempre nel Mediterraneo, la Sicilia riesce ad avere un calo di visitatori dell’8 per cento.

Uno dei problemi più gravi, perché meno venuto alla luce, è poi quello che riguarda i teatri. Su 182 teatri storici, nel breve volgere di un decennio, ne sono rimasti solo 59. Il teatro greco di Siracusa, le cui difficoltà lei ben conosce avendone giustamente deciso il commissariamento dell’Inda, deve tornare a essere «istituto Nazionale» e non può essere preda del più greve provincialismo così come il Teatro Stabile di Catania – un tempo il «terzo teatro d’Italia», poi portato all’asfissia finanziaria dai vicerè della satrapia regionale – non può scadere in una governance da quartiere con un Moni Ovadia (che già presta gratuitamente la propria competenza al Teatro Margherita di Caltanissetta) che si vede cestinare il curriculum e cedere il passo (in un ente pubblico qual è lo Stabile, dove dovrebbe valere il principio della qualità) ad artisti di caratura locale.

Infine: secondo i dati Istat del 2015 la Sicilia è la regione d’Italia dove si legge meno. Da gennaio a oggi, infatti, sono state uccise dall’indifferenza e dalla cecità delle banche più di 30 librerie vere, non cartolerie, tra le quali le storiche vetrine di Flaccovio a Palermo (sei in tutto) e, a Catania, la libreria La Cultura. Sono notizie su cui lei, gentile Dario Franceschini, non può certo imporre la propria azione da ministro ma da scrittore e da cittadino, sì».