Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1023
PALERMO - 16/02/2016
Sicilia - Sentenza che crea un precedente

La pacca sul sedere nel posto di lavoro non è reato!

La procura sta valutando se ricorrere in appello Foto Corrierediragusa.it

Una pacca sul sedere, un commento osè, un dito sul bottone della camicetta da parte del capo ufficio non rappresentano molestie sessuali. Almeno se non è dimostrato che sono fatti per ottenere appagamento sessale. Essi sono solo immaturi e inopportuni modi di scherzare. Parola del tribunale di Palermo che, con una recente sentenza, ha valutato non lesivi della libertà individuale i gesti di un capo ufficio condotti nell’ambito di uno modo di fare scherzoso. Sul banco degli imputati c´era un uomo piuttosto noto accusato addirittura di violenza sessuale e assolto dall’accusa di avere molestato due colleghe del suo ufficio. La sentenza è stata pronunciata il 23 novembre scorso e qualche giorno fa la seconda sezione del tribunale di Palermo ha depositato le motivazioni della sentenza per articolare la quale sono state necessarie tredici pagine. L’assoluzione è stata decisa dal collegio presieduto da Bruno Fasciana, giudice a latere Marcella Ferrara e relatrice, Annalisa Tesoriere. Sentenza scritta da una donna, quindi, mentre un’altra donna, il pm Alessia Sinatra, aveva chiesto due anni e sei mesi per l’ imputato. Il comportamento dell´imputato «Anche agli occhi delle persone offese – scrivono i giudici – era oggettivamente dettato da un immaturo e inopportuno atteggiamento di scherzo, frammisto ad una larvata forma di prevaricazione e ad una, sia pur scorretta, modalità di impostazione del rapporti gerarchici all’interno dell’ ufficio», ma questo non comporta la molestia sessuale perché «si deve tenere conto dell’ intero contesto. Nel comportamento dell´imputato non era ravvisabile alcun fine di concupiscenza o di soddisfacimento dell’ impulso sessuale». La procura sta valutando se ricorrere in appello nei confronti di una sentenza che potrebbe mettere un precedente inatteso.