Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1049
PALERMO - 14/02/2016
Sicilia - Sul suo nome si è registrata la piena unanimità del Cda

Orchestra Sinfonica Siciliana, Giorgio Pace sovrintendente

Ha l’arduo compito di risanare l’ente che ha accumulato 18 milioni di debiti Foto Corrierediragusa.it

Giorgio Pace (foto), 67 anni, modicano, è il nuovo sovrintendente dell´Orchestra Sinfonica Siciliana. E´ stato eletto con voto unanime dal Cda della prestigiosa Fondazione. Sul nome di Giorgio Pace, già sovrintendente del teatro Garibaldi di Modica, si è registrato il più ampio consenso a cominciare da quello del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e dell´assessore regionale al turismo, Anthony Barbagallo.

"E´ stata una scelta meritoria e ampiamente ragionata – dice il presidente della Foss Salvatore Cincimino - anche il collegio dei revisori per quanto non abbia il potere di fare scelte di merito, ha consentito di avallare le decisioni prese dal cda. Siamo soddisfatti». Pace, attualmente direttore amministrativo al Teatro Massimo, si insedierà tra 40 giorni e subito dovrà prendere alcune decisioni delicate quali la nomina del nuovo direttore artistico, dopo le dimissioni del maestro Aldo Ceccato. Poi dovrà mettere in ordine i conti della Fondazione dall´alto della sua esperienza visto che ci sono ben 18 milioni di debiti accumulati.

Questa la dichiarazione di Giorgio Pace dopo la nomina: «Sono soddisfatto del nuovo incarico e della fiducia piena che ho avuto Abbiamo subito trovato un’intesa sulle cose da fare, l’esperienza al teatro Massimo sarà preziosa per rilanciare questo ente culturale e questa orchestra gloriosa. Partirò dal punto centrale dell’ente, l’orchestra, che deve ritrovare il suo ruolo originario, con tournée nel territorio siciliano, in Italia e all’estero. Dobbiamo puntare sulla produzione e sul botteghino».

«La nomina di Pace è quanto di meglio il panorama artistico siciliano poteva offrire – commenta l’assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo - Giorgio Pace è un’ eccellenza e lo ha dimostrato in tanti anni di carriera. Continua così la strada di rilancio finanziario e artistico della Foss che l’assessorato sta accompagnando con tenacia e determinazione. Ieri abbiamo liquidato tutte le spettanze per il 2015 cioè 2 milioni 893 mila euro» .