Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 509
PALERMO - 05/02/2016
Sicilia - Analisi della politica siciliana in "evoluzione"

I gattopardi della politica siciliana: si cambia o no?

Basta guardarsi attorno a Palermo, nei comuni per capire che il mutamento è in atto e in molti casi già avvenuto Foto Corrierediragusa.it

La storia è vecchia e non è il caso neppure di riesumare il Gattopardo. Il 61 a 0 di berlusconiana memoria vide la transumanza degli ex socialisti, comunisti e della sinistra progressista nelle fila di Forza Italia. Chi era stato al di là della barricata si ritrovo all´Ars vicino agli uomini di punta degli azzurri camuffati e accomunati nella grande coalizione della destra pur se sotto diverse sigle. Poi venne il tempo di Cuffaro, del presidente "vasa vasa" e dei cannoli, in un abbraccio che sarebbe stato letale. Poi ancora Lombardo e le migrazioni continuarono dalla destra nell´indefinito di Mpa, movimento per l´Autonomia. La Sicilia di Rosario Crocetta non è stata da meno tanto da indurre il redivivo (alla vita politica) Totò Cuffaro a dire dalla sua Raffadali: "Con Renzi si stanno spostando i miei voti e la mia classe dirigente. E dunque quelli che stavano con me e ora nel Pd fanno le tessere. Ma non capisco il clamore, lo scandalo. A me pare naturale. Prendevo un milione ottocento mila voti, lì dentro c´era la Sicilia. Ora quella stessa Sicilia si sta spostando". Cuffaro non si scandalizza conosce queste pratiche, ha visto passare tanta acqua sotto i ponti. Ed è strano che non se ne accorga il Pd e la sua segreteria regionale. Fausto Raciti è intervenuto subito tanto per ribadire la sua presenza e la sua inflessibilità: "Ho appena convocato i presidenti delle commissioni di garanzia provinciali e regionale. Chiederò di congelare i nuovi iscritti 2015 e si procederà a una verifica tessera per tessera, nome per nome, con scrupolo e rigore. Ci vorrà tempo, ma è necessario». Basta guardarsi attorno a Palermo, nei comuni per capire che il mutamento è in atto e in molti casi già avvenuto perchè ci sono quelli che capiscono prima degli altri da dove spira il vento. Ester Bonafede, Luisa Lantieri, Dario Cartabellotta, Valeria Sudano, tutti ex cuffariani per non dire di Giuseppe Castiglione, sottosegretario nel governo Renzi. Da destra ai dem anche Nello Dipasquale, passato attraverso il Megafono di Rosario Crocetta. Una Sicilia politica sempre in movimento, ma che si muove poco o nulla in tutti gli altri campi.