Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1212
PALERMO - 02/02/2016
Sicilia - L’uomo di chiesa è stato ammanettato a Roma

Abusi sessuali su 3 bambini: arrestato parroco di Palermo

Le indagini avrebbero fatto emergere che due fratelli di 13 e di 15 anni erano stati vittime di violenza sessuale Foto Corrierediragusa.it

Arrestato prete 40enne per abusi sessuali su tre minori mentre era parroco a Palermo. Gli uomini della squadra mobile hanno eseguito l´ordinanza cautelare, emessa dal Tribunale di Palermo, a Roma. Le indagini avrebbero fatto emergere che due fratelli di 13 e di 15 anni erano stati vittime di violenza sessuale da parte del parroco della Chiesa di Palermo che frequentavano. Gli episodi sarebbero cominciati in occasione di un pellegrinaggio e sarebbero poi continuati in periodi successivi anche nell´abitazione dei due ragazzi. Il sacerdote, abusando del rapporto di fiducia che si era instaurato con la madre dei minori - dicono gli investigatori - era diventato un punto di riferimento per i due ragazzini, tanto da pagare il biglietto per un pellegrinaggio all´estero per uno dei due e fare loro diversi regali. La madre dei due ragazzi, dopo avere appreso da uno dei figli cosa fosse successo, ha denunciato il prete. Le indagini, coordinate dalla Procura, si sono avvalse di alcune testimonianze ed hanno permesso di ricostruire un´altra vicenda, avvenuta qualche tempo prima, di abusi sessuali ai danni di una terza vittima, oggi maggiorenne. Gli agenti hanno acquisito anche la conversazione, via chat, che il sacerdote aveva intrattenuto con una parrocchiana, nella quale lo stesso le confessava quanto aveva fatto in un momento di debolezza, durante un pellegrinaggio.

L´indagine a carico del sacerdote è stata coordinata dall´aggiunto Salvo de Luca e dal pm Claudio Camilleri. Corriere di Ragusa sceglie di non pubblicare il nome del prelato e della parrocchia di riferimento per non rendere riconoscibili le presunte vittime degli abusi. Livesicilia