Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 687
PALERMO - 27/01/2016
Sicilia - Interrogazione di Ioppolo a Crocetta

Sanità: abolito ticket per 203 prestazioni

Penalizzate le fasce più deboli Foto Corrierediragusa.it

Un’interrogazione urgente è stata presentata dal vicepresidente della commissione Sanità all’Ars, Gino Ioppolo, per «chiedere al governo Crocetta quali iniziative intenda assumere per evitare che il recente decreto, emanato dal ministro della Sanità, sulle nuove condizioni di erogabilità delle prestazioni di assistenza ambulatoriale non determini in Sicilia un ulteriore lesione del diritto alla salute dei cittadini». Il decreto riguarda 203 prestazioni ambulatoriali che, se prescritte al di fuori delle condizioni di erogabilità, saranno a totale carico del paziente. «Vengono colpiti – spiega Ioppolo – come purtroppo accade spesso, i più deboli che hanno bisogno di assistenza in campo odontoiatrico, dermatologico e nel campo della diagnostica radiologica e di laboratorio oltre che di medicina nucleare. Senza contare la limitazione alla libertà professionale dei medici che il Ministro vuole ridurre a meri passacarte e non a curatori delle varie patologie». Il decreto prevede anche sanzioni pecuniarie per i medici che prescriveranno, a carico del Ssn, prestazioni inappropriate.

«Non ci si vuole rendere conto – conclude Ioppolo – che «risparmiare» sulla medicina preventiva e sulla diagnostica a lungo andare costerà di più alle casse pubbliche perché maggiori e più gravi saranno le patologie. Il governo Crocetta dia un segno di residua vitalità».