Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1067
PALERMO - 01/01/2016
Sicilia - L’Ars ha recepito le norme nazionali

Un 2016 più sereno per circa 22 mila precari siciliani

Il provvedimento è stato votato in extremis a Sala d’Ercole Foto Corrierediragusa.it

Il nuovo anno sarà più sereno per i 22 mila precari degli enti locali e per i sindaci che potranno avviare subito le proroghe annuali. L’Ars ha infatti recepito le norme nazionali per prolungare fino a tutto il 2016 i contratti in scadenza nel 2015. Quello che più conta però è che il governo è riuscito a stanziare subito 81 milioni di euro che saranno subito a disposizione dei Comuni. Il provvedimento è stato votato in extremis a Sala d’Ercole (foto) assieme ad altri documenti: uno è il Dpef, il documento di programmazione finanziaria col quale il governo indica la sua strategia nei prossimi tre anni, l’altro è l’esercizio provvisorio che consente all’Ars di non bloccare la spesa e di pagare per due mesi solo gli stipendi in attesa che venga approvata la Finanziaria. Quest’ultima serve a varare tutta una serie di riforme e provvedimenti economici per consentire anche di rilanciare lo sviluppo e migliorare le condizioni di vita dei siciliani.