Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 809
PALERMO - 17/12/2015
Sicilia - Il concorso per il reclutamento di 892 funzionari

Blocco assunzioni Agenzia entrate: riammessi in 300

Un caso che fa giurisprudenza Foto Corrierediragusa.it

Giustizia è fatta per i quasi 300 ricorrenti al concorso per il reclutamento di 892 funzionari dell’Agenzia delle Entrate. Il Presidente della terza sezione del Tar Lazio, infatti, ha accolto le loro istanze cautelari basate sulle illegittimità del bando e le irregolarità rilevate durante la prima e la seconda prova. I ricorsi, presentati dal gruppo coordinato dall’avvocato Francesco Leone, si basavano su diverse irregolarità quali la mancanza di una graduatoria unica, lo svolgimento delle prove in più giorni, la mancanza di controlli all’ingresso dei padiglioni, la non predisposizione di buste ove inserire e sigillare gli elaborati, il mancato rispetto delle norme contenute nel testo unico dei concorsi pubblici. In particolare, la previsione di una soglia di idoneità troppo alta, aveva già causato in passato la sconfitta dell’Agenzia delle Entrate in altri ricorsi presentati. Dopo la pronuncia del Tar, circa 300 ricorrenti parteciperanno nei prossimi giorni al tirocinio, riprendendo così l’iter concorsuale interrotto e stravolgendo di fatto il concorso dell’Agenzia. Infatti i riammessi dovranno svolgere il tirocinio di sei mesi previsto dal bando e gli altri candidati dovranno attendere questo periodo prima di sapere se la loro assunzione si concretizzerà oppure no. Un grosso disagio per i quasi mille partecipanti alla «maratona concorsuale».

Nei mesi scorsi l’Agenzia aveva minacciato querele per diffamazione nei confronti dello Studio Leone, che oggi dimostra la fondatezza delle proprie argomentazioni: il Tar del Lazio, infatti, in base ai decreti dal n.5626 al n.5633, ha stabilito la riammissione dei ricorrenti, sancendo un’importante vittoria per lo Studio Leone e i giovani che ad esso si sono affidati. Un caso dunque che fa giurisprudenza.