Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1278
PALERMO - 17/12/2015
Sicilia - Tutto è sospeso però fino a lunedì

Tagli per tutti nel bilancio regionale

Si è dunque in attesa della Finanziaria Foto Corrierediragusa.it

Tagli per tutti nel Bilancio 2016 della Regione: sotto la scure funzionari, dipendenti, amministratori e società partecipate. Davanti a Palazzo dei Normanni è protesta continua contro l´atto approvato dalla giunta Crocetta, in qualche modo ancora sospeso in attesa della Finanziaria. Lunedì è difatti previsto il voto in aula ma questi giorni saranno difficili tra le manifestazioni dei precari, di sindaci e consiglieri comunali che si sono visti decurtare stipendi e gettoni di presenza del 30 per cento con un taglio lineare voluto dall´assessore Alessandro Baccei. Nel Bilancio 2016 è inclusa la copertura di un miliardo 400 milioni che dovranno essere trasferiti dallo Stato. Roma tuttavia ha chiesto e imposto i tagli per trasferire questi soldi che consentono l´equilibrio dei conti. Di queste somme 900 milioni sono già inclusi nella Finanziaria nazionale. Dice il presidente Rosario Crocetta: "Prevista in finanziaria anche una norma che riguarda il precariato, con un incentivo di dieci anni a quei comuni che stabilizzeranno i precari nel 2016. Stiamo lavorando su una norma di inclusione sociale che dovrebbe assicurare una forma di reddito ai disoccupati e ai poveri.

Tale misura, che era già stata elaborata dall´assessore Caruso, prevede un reddito finalizzato all´inserimento lavorativo". Le norme più controverse riguardano i precari le cui proroghe sono state bloccate negli enti in pre-dissesto. Una norma, tra le altre, che consentirà di risparmiare 400 milioni, senza i quali Roma non sgancerà un euro. Senza questi tagli non arriveranno i 900 milioni di euro promessi da Roma.