Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 684
PALERMO - 07/12/2015
Sicilia - Il governatore si è goduto una mini vacanza

Spacca Crocetta "provocatorio" dalla spiaggia di Tusa

Pro e contro per il presidente della Regione che comunque anima il dibattito Foto Corrierediragusa.it

Rosario Crocetta divide, come sempre. La sua ultima "provocazione" arriva dalla spiaggia di Castel di Tusa dove il presidente della Regione ha trovato il tempo di trascorrere il suo lungo fine settimana. Esauriti gli impegni istituzionali e di rappresentanza, l´ultimo in ordine di tempo l´insediamento di Mons. Corrado Lorefice ad arcivescovo di Palermo, il presidente si mostra con tanto di giornali in mano sdraiato sui ciottoli.
E commenta: «La Sicilia è un´isola bellissima, la più bella del mondo e il suo popolo è straordinario. Abbiamo dei problemi, molti dei quali arrivano da passato ma non voglio fare polemica con nessuno. Stiamo superando tutto, il Pil comincia a crescere e ci sono già alcuni piccoli segni di ripresa. La cosa importante è che ci sia un popolo unito, che si batte contro il malaffare e la corruzione per una Sicilia libera. Buon ponte dell´Immacolata a tutti». Il messaggio, oltre rincuorare i siciliani, a sfoderare una buona dose di antimafia che non guasta mai e fa tendenza, è diretto soprattutto a Roberto Vecchioni e la sua definizione di "isola di merda" della Sicilia. Un controcanto quello di Crocetta che ha scatenato il web tanto che la sua foto è diventata tra le più cliccata con commenti tra il salace, il feroce, lo disgustato.

C´è chi rimprovera al presidente di godersi una vacanza mentre le finanze della Regione sono al collasso, chi lo elogia per la difesa a prescindere del buon nome della Regione. Chi lo invita a preoccuparsi dei problemi del lavoro e dell´occupazione piuttosto che stare a polemizzare con Vecchioni. Che Crocetta si voglia godere una pausa è comprensibile e ci può stare, a patto che ritorni sicuro e voglioso di lavorare e di non ondeggiare tra i tanti problemi che gli stanno sul collo per procedere con passo incerto e malfermo come ha fatto negli ultimi mesi.