Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 467
PALERMO - 16/11/2015
Sicilia - L’apertura al traffico per superare il tratto interrotto del viadotto Himera

Finalmente aperta la bretella sulla A 19 Palermo Catania dopo crollo Himera ma per il nuovo ponte se ne riparlerà nel 2018

Soluzione provvisoria in attesa della ricostruzione della campata Foto Corrierediragusa.it

Il bypass realizzato e aperto nell’autostrada Palermo Catania, seppur provvisorio, in attesa della ricostruzione della campata, rappresenta una prima importante soluzione ai problemi di viabilità che negli ultimi mesi hanno interessato l’intera Isola. Il tratto realizzato che riprende la strada provinciale 24 lungo due chilometri, va dallo svincolo di Scillato sino al viadotto. Grazie alla bretella, che sarà percorribile anche da mezzi pesanti, i tempi di attraversamento dovrebbero ridursi a dieci minuti, rispetto ai 45 del percorso alternativo fino a oggi utilizzato dagli automobilisti lungo le strade statali delle Madonie. A presentare i lavori è stato, tra gli altri, il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio, che ha parlato nei locali della prefettura di Palermo alla presenza del presidente dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, del commissario delegato per l’emergenza, Marco Guardabassi, del capo della protezione civile, Fabrizio Curcio, e del presidente della Regione Rosario Crocetta.

«L’apertura al traffico della bretella serve a superare il tratto interrotto del viadotto Himera è stato raggiunto l’obiettivo di risolvere una criticità per la viabilità dell’intera Isola nel minor tempo possibile e con tutti i controlli necessari» ha dichiarato Armani, che ha poi confermato i prossimi investimenti per rimodernare l’intera autostrada. «Il nostro lavoro continua con l’innalzamento degli standard di sicurezza previsto nel programma straordinario di potenziamento e riqualificazione dell’intero itinerario, che comporta la realizzazione di nuove pavimentazioni e barriere, il risanamento di tutti i viadotti e nuove dotazioni tecnologiche per le gallerie di tutto il tracciato, con un significativo investimento complessivo pari a 842 milioni di euro» ha aggiunto il presidente dell’Anas.

Sulle tempistiche riguardanti la costruzione del nuovo ponte, Armani ha ipotizzato come data l’inizio del 2018. L’opera dovrebbe costare circa venti milioni di euro. Il prossimo anno inizieranno 900 milioni di opere per rifare l’autostrada Palermo – Catania. A fianco della strada che si percorre a doppio senso di circolazione continuano, però, i lavori