Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 944
PALERMO - 10/11/2015
Sicilia - Un giro di affari di 7 milioni di euro, almeno 600 gli ingressi illeciiti

Immigrazione: in manette 18 titolari di circhi

Grazie ad un funzionario corrotto dell’assessorato al Lavoro, falsificati i timbri della Questura Foto Corrierediragusa.it

Sono entrati in 600 in Italia in modo clandestino. Sono di nazionalità pakistana, indiana e ottenevano un permesso di lavoro grazie ad un solerte dipendente dell´assessorato regionale al Lavoro. Venivano assunti, formalmente, come ballerini, facchini, attrezzisti da tanti circhi sparsi per l´Italia. Per loro niente traversate pericolose per mare dunque ma un ingresso sicuro garantito grazie ad un visto di lavoro che è risultato falso. Pagavano fino a 15 mila euro per ottenere una falsa autorizzazione all´assunzione nei circhi firmata dalla Regione Siciliana, grazie al fatto che gode dello Statuto speciale.

Tanti circhi, infatti, avevano trasferito la propria sede a Palermo solo per poter usufruire dei servizi del funzionario corrotto; per ogni immigrato clandestino assunto i gestori dei circhi incassavano infatti fra 2.000 e 3.000 euro dall´organizzazione dei trafficanti. Un vero business, che evidentemente non si era riuscito a imbastire attraverso il ministero del Lavoro, competente per questo tipo di autorizzazioni, e allora era stata trovata la scappatoia nella Regione a statuto speciale. Per il nulla osta della questura che serviva a completare la pratica, venivano utilizzati dei timbri falsi Un inedito canale di immigrazione clandestina scoperto dalla Squadra mobile di Palermo che ha portato in carcere il funzionario corrotto e i titolari di 18 circhi.

Fra i personaggi arrestati Lino Orfei e Alvaro Bizzarro, animatori degli omonimi circhi, Darvin Cristiani, che gestisce il circo Praga. Sono accusati di favoreggiamento all´immigrazione clandestina. Stesse accuse che hanno fatto scattare le manette per i titolari dei circhi Coliseum Sandra Orfei, Città di Roma, Smart Shane, Kumar, Vienna Roller, Caroli, Wigliams Brother, Jonathan, Apollo, De Blais, Meraviglioso, Aris Martini, Martini Cirque D´Europe, acquatico Denji show e acquatico splash. Dice il dirigente della Mobile Rodolfo Ruperti " Queste persone solo sulla carta andavano a lavorare nei circhi. In realtà, attraverso questo sistema, è stato alimentato un giro d´affari criminale che ammonta a 7 milioni di euro".