Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1074
PALERMO - 12/10/2015
Sicilia - Per M5S "Crocetta Re Mida al contrario"

Disoccupazione: Sicilia peggiore della Grecia

La regione agli ultimissimi posti in Europa Foto Corrierediragusa.it

Il tasso di occupazione in Sicilia delle persone tra i 20 e i 64 anni (42,4% nel 2014) è il più basso di tutte le regioni europee. Lo si legge nell´Eurostat Regional Yearbook 2015 nel quale si sottolinea che in Italia c´è un divario di oltre trenta punti tra l´area con il tasso di occupazione più alto (Bolzano, al 76,1%) e la Sicilia. Su appena sei regioni in Europa con il tasso di occupazione tra i 20 e i 64 anni inferiore al 50% - sottolinea Eurostat - quattro sono in Italia, Puglia (con il 45,7%, ndr), Campania (42,7%), Calabria (42,6%) e Sicilia mentre una è in Spagna (Ceuta) e una in Grecia (Dytiki Ellada). Il dato è legato anche alla scarsissima occupazione femminile con appena il 29,6% delle donne tra i 20 e i 64 anni in Sicilia che lavora. L´Italia ha anche il più ampio divario regionale per la disoccupazione giovanile (15-24 anni): in Calabria raggiunge il 59,7% a fronte del 12,4% di Bolzano. Nel 2014 la percentuale dei giovani Neet (persone non occupate nè in un percorso di formazione o educazione) tra i 18 e i 24 anni in Europa era al 16,3%, in calo rispetto al picco del 17,1% del 2012. In Italia - sottolinea l´Istat - si registra il livello più alto di Neet in Ue con il 29% (tra il 21% e il 27% in Romania, Spagna, Bulgaria, Cipro e Grecia) ma con picchi oltre il 40% in Calabria e Sicilia. Molto alto nelle regioni meridionali anche il tasso di disoccupazione di lunga durata, ovvero di coloro che restano senza lavoro per oltre 12 mesi. Il record della disoccupazione di lunga durata tra le regioni europee è in Guadeloupe (79,5%) ma quattro regioni italiane sono oltre il 65%.

"Anche nel settore del lavoro la rivoluzione di Crocetta è compiuta. Ora c´è la certificazione ufficiale Eurostat: in fatto di occupazione siamo ultimi in Europa, persino dopo la disastrata Grecia". Il gruppo parlamentare del M5s all´Ars commenta gli ultimi risultati di quello che nei fatti si è rivelato il più fallimentare governo della storia della Sicilia. «"Crocetta – dice Cancelleri – da buon re Mida al contrario, continua a distruggere tutto quello che tocca, dall´ambente, alla sanità, alla viabilità, al lavoro. Il disastro dei conti ha portato perfino al blocco della spesa,mentre si spalancano praterie davanti a petrolieri e inceneritori. Un tempo eravamo il centro del mediterraneo, non solo economico ma anche sociale, oggi siamo il fanalino di coda di un´Europa invivibile. Crocetta deve venire a riferire in aula, la Sicilia è in coma profondo e lui non riesce nemmeno a somministrale un´aspirina, impegnato com´è nelle eterne manovre di un esecutivo in rifacimento permanente effettivo. Ma si sa, tra un pasto (dei siciliani) e un rimpasto (di governo) non c´è partita. Crocetta ha dimostrato di essere peggiore persino di Marino. Almeno lui si è dimesso".