Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 859
PALERMO - 09/10/2015
Sicilia - Il piano finanziato con fondi europei

Attivati quasi 40 mila tirocini in Sicilia

In alcuni casi molti dei contratti di apprendistato sono stati trasformati in contratti a tempo determinato Foto Corrierediragusa.it

In Sicilia sono stati attivati quasi 40 mila tirocini grazie a "Garanzia Giovani". Il piano finanziato con fondi europei ha riguardato l´avvio al lavoro di giovani fino a 29 anni che hanno lavorato come apprendisti presso aziende per sei mesi. In alcuni casi molti dei contratti di apprendistato sono stati trasformati in contratti a tempo determinato, circa il 20 per cento, ed altri in contratti a tempo indeterminato. Secondo una proiezione elaborata dagli Uffici dell´assessorato a fine percorso dovrebbero essere più di 7 mila i contratti ad altrettanti giovani che avevano messo il primo piede in azienda grazie a un tirocinio pagato dalla Regione L’assessore al Lavoro, Bruno Caruso, ha tracciato il bilancio di Garanzia Giovani, ormai arrivato al traguardo e che la Regione si appresta a prorogare. Il piano doveva concludersi il 26 settembre, quando erano già stati attivati circa 29 mila tirocini. Poi Caruso ha deciso di concedere una proroga: «Si è scelto di andare avanti fino a venerdì scorso e - annuncia l’assessore - sono stati attivati quasi altri 11 mila tirocini. Si è così arrivati a circa 40 mila.

Dopo un avvio piuttosto lento, sono aumentati anche i contratti sottoscritti dalle aziende con i tirocinanti alla fine del periodo sovvenzionato dalla Regione. In realtà a settembre su circa 29 mila tirocini non risultavano che meno di un centinaio di successivi contratti. Ora l’assessore mette sul tappeto un dato, ancora ufficioso, che segna l’inversione di tendenza. Non tutto brilla, tuttavia, perchè al di là dell´evidente successo del Piano, i giovani impegnati non sono stati pagati e nessuno sa con precisione quanti sono ad attendere uno o più stipendi, né è possibile prevedere quando si uscirà dall’impasse. La Regione tarda ad accreditare i fondi e le conseguenze negative sono tutte per i tirocinanti.