Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 597
PALERMO - 15/09/2015
Sicilia - La manovra correttiva dovrà essere approvata ora dall’Aula

Regione: 29 milioni per Forestali, precari ed ex Pip

Entrate tributarie inferiori a quelle stimate, è stato necessario cancellare 60 milioni dal bilancio Foto Corrierediragusa.it

Arrivano i fondi per i forestali, i precari dell’Esa e i Pip di Palermo. Al termine di una riunione di giunta andata avanti per più di tre ore è stata varata la manovra correttiva per complessivi 29 milioni. Che porta con sè non poche sorprese. L’assessore all’Economia, Alessandro Baccei (nella foto), ha dovuto turare in extremis un’altra falla: le entrate tributarie effettive sono inferiori a quelle stimate ad aprile e così è stato necessario cancellare 60 milioni dal bilancio (30 relativi all’Irpef e altri 30 frutto di altri tributi).

La disponibilità finanziaria della Regione, dunque, è ulteriormente diminuita rispetto alle prospettive di qualche settimana fa. Da qui la decisione di non aumentare il budget per i forestali ma limitarsi a una iniezione di liquidità che permetta di far lavorare gli stagionali in attesa di nuovi fondi. Ai forestali vanno 16 milioni: sei sono stati trovati nelle pieghe del bilancio, dieci sono una anticipazione di somme che arriveranno quando il Cipe autorizzerà una complicata operazione.

Palazzo d’Orleans attende il via libera per utilizzare per i forestali 88 milioni che erano stanziati per un lotto (il B5) della superstrada Santo Stefano di Camastra-Gela: quella che alle Infrastrutture classificano come una «trasversale Nord-Sud» che permette di collegare aree della Sicilia non attraversate dalle autostrade. Un’arteria che taglierà di molto i tempi per andare da un capo all’altro dell’Isola.

Questo tratto di strada doveva essere finanziato con dei fondi europei finora non spesi: è questa la quota che verrà girata ai forestali. L’appalto verrà invece completato con altre risorse, i Pac, e dunque non verrà cancellato. Anche se resta il fatto che per i precari verranno utilizzate risorse europee che sarebbero dovute andare a investimenti in Infrastrutture.
Per gli ex Pip di Palermo la giunta ha stanziato 6,6 milioni, per i cantieri 4,2, per l´Ast 2 milioni, per l´obbligo formativo un milione 116 mila euro. L´atto passa ora all´esame dell´aula per l´approvazione definitiva.