Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1221
PALERMO - 12/08/2015
Sicilia - Per i 5 stelle "Una follia per assecondare il sistema imprenditoriale"

Sicilia, 2 inceneritori di rifiuti: grillini e Crocetta contro

Intanto anche il governatore Crocetta si dice contrario ai due inceneritori in Sicilia mettendosi in aperto contrasto con il governo Renzi per far valere le ragioni di un intero territorio Foto Corrierediragusa.it

«Due Inceneritori in Sicilia? Una follia per assecondare il sistema imprenditoriale che sull´emergenza rifiuti ha costruito il proprio impero. Ci opporremo con tutti i mezzi». Così il gruppo parlamentare M5S all´Ars reagisce con forza al progetto (bozza di decreto legislativo) arrivato in questi giorni alle regioni, che prevede l´autorizzazione di 12 nuovi inceneritori, 2 dei quali in Sicilia. «La solita vigliaccata ferragostana - affermano i deputati a sala d´Ercole - che confidando sul solleone e sul clima vacanziero si spera di far passare indenne e sotto silenzio. Ebbene, Renzi & soci hanno fatto male i loro conti. Noi siamo pronti alle barricate». «La logica dello smaltimento, sia in discarica, che in forni termovalorizzatori – afferma il presidente della commissione Ambiente, Giampiero Trizzino - è ormai bandita anche dall´Unione europea, che già un anno fa dichiarava di voler aggiornare le nuove direttive sul principio dell´economia ´circolare´, secondo cui la materia non viene mai distrutta del tutto, ma recuperata e reimpiegata infinite volte».

«L’incenerimento – dicono i deputati M5S - se prima poteva rappresentare un modello sbagliato soltanto sotto il profilo della tutela dell’ambiente, oggi addirittura lo è anche sotto l’aspetto economico: i nuovi stringenti livelli di raccolta differenziata imposti dall´Europa sono in antitesi con l’esercizio a regime dei termovalorizzatori, i quali necessitano sempre di ingenti quantità di combustibile, cioè di rifiuti. Tutto ciò, chiaramente, entra in conflitto con gli obiettivi di massimizzazione del recupero dei materiali. In altre parole: se l’Italia è chiamata a produrre sempre maggiori quantità di raccolta differenziata, evidentemente non potrà alimentare i forni degli inceneritori. Chi non capisce questo sistema è fuori da mondo oppure, evidentemente, sta tramando qualcosa a discapito del nostro futuro. Non esistono altre ipotesi».

Il Movimento prepara intanto le barricate e non esclude anche il ricorso alla piazza per evitare il disastro. Nel frattempo chiede alla Regione l´approvazione urgente del piano rifiuti, «da sottrarre alle grinfie di Renzi, che vuole appropriarsene tramite commissariamento». «Il governo regionale – afferma Trizzino – acceleri fortemente in questo senso e rispetti quanto stabilito in commissione Ambiente a giugno. Crocetta eviti l´ennesimo sfacelo alla Sicilia. Ne ha già fatti tantissimi, ci risparmi almeno questo».

Intanto anche il governatore Crocetta si dice contrario ai due inceneritori in Sicilia mettendosi in aperto contrasto con il governo Renzi per far valere le ragioni di un intero territorio.