Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 557
PALERMO - 27/05/2015
Sicilia - Minata la credibilità del Parlamento siciliano

VIDEO Terremoto Ars e arresti eccellenti

In alcuni casi si parla di posti di lavoro, in altri di manciate di euro: sempre e comunque in cambio di preferenze elettorali Foto Corrierediragusa.it

La pesante accusa piomba addosso a due onorevoli in carica, ad un ex deputato dell´Ars e ad un altro indagato che sfiorò di un soffio la corsa al Comune di Palermo. Roberto Clemente, Nino Dina, Franco Mineo (da sx nella foto) e Giuseppe Bevilacqua sono tutti ai domiciliari. Palazzo dei Normanni quindi trema.



Un´inchiesta giudiziaria mina, ancora una volta, la credibilità della politica e del Parlamento siciliano. In alcuni casi si parla di posti di lavoro, in altri di manciate di euro: sempre e comunque in cambio di preferenze elettorali. La pesante accusa di voto di corruzione elettorale piomba addosso a due deputati regionali in carica: Nino Dina, eletto nell´Udc e oggi presidente della commissione Bilancio dell´Ars, e Roberto Clemente del Cantiere popolare-Pid, ma anche sull´ex onorevole Franco Mineo, già deputato di Grande Sud, e su Giuseppe Bevilacqua che sfiorò, sempre per il Pid Cantiere popolare, la vittoria al Comune di Palermo. Sono finiti tutti agli arresti domiciliari al termine di un´indagine dei finanzieri del Nucleo speciale di polizia valutaria. Ai domiciliari pure un finanziere accusato di corruzione per alcuni favori resi a Bevilacqua.

I pubblici ministeri di Palermo, coordinati dal procuratore Francesco Lo Voi e dall´aggiunto Vittorio Teresi, sono certi di avere scoperto il malaffare che avrebbe ammorbato le elezioni regionali e le amministrative del 2012. L´inchiesta è partita dalle microspie piazzate dai finanzieri che cercavano di ricostruire i nuovi assetti mafiosi in una grossa fetta della città. Ad un certo punto, però, una cimice avrebbe captato l´impegno di alcuni soggetti considerati vicini a Cosa nostra per convogliare il consenso elettorale su Bevilacqua, in corsa per uno scranno a Sala delle Lapidi, sede del Consiglio comunale di Palermo. Il candidato, nonostante il ragguardevole numero di preferenze ottenuto, risultò il primo dei non eletti.

La partita, però, non si sarebbe chiusa visto che le microspie dei finanzieri diretti dal colonnello Calogero Scibeta continuarono a registrare le conversazione anche nel post amministrative. E cioè nella fase che ha separato il voto di maggio, a Palermo, da quello di fine ottobre per le regionali. Il pacchetto di voti che non bastò all´aspirante consigliere comunale sarebbe stato sfruttato dai tre candidati a Palazzo dei Normanni. Come? Promettendo denaro e posti di lavoro in cambio di preferenze. Ci sarebbero state persone disposte a vendere il voto in cambio di pochi euro. Altri, invece, avrebbero garantito un impegno più consistente. Alzando, però, il prezzo fino chiedere un impiego. Impiego che sarebbe stato promesso e questo già basta a configurare il reato. L´ultima versione del reato di corruzione elettorale punisce, infatti, il politico che paga, o semplicemente promette, denaro o altra utilità. Ed è questo reato che la procura guidata da Lo Voi contesta agli indagati. Gli arresti sono stati chiesti dai pm Luise, Scaletta, Picozzi e Del Bene.

Non si trattava di un impiego stabile, ma in un momento di fame di lavoro fanno gola anche i posti nei progetti di alcune associazioni finanziate con fondi dell´Unione europea. Interventi a pioggia che sarebbero stati sfruttati e piegati agli interessi, elettorali e illeciti, di alcuni candidati. A proposito di associazione, Bevilacqua già due anni fa era stato raggiunto da un avviso di garanzia per malversazione e appropriazione indebita: avrebbe utilizzato per fini propri, fra cui la campagna elettorale, i generi alimentari (pasta, formaggi ed altro) del "Banco opere di carità" destinati ai poveri.

Riccardo Lo Verso - Live Sicilia