Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 705
PALERMO - 09/05/2015
Sicilia - Messi alla berlina alla ribalta internazionale

Flop ad Expo per il cluster Sicilia: Crocetta confusion!

E su Cartabellotta commissariato ha fatto un passo indietro Foto Corrierediragusa.it

Confusione, tanta confusione. Se la Sicilia voleva riscattare l´immagine della sua approssimazione grazie alla presenza nel cluster Bio Mediterraneo all´Expo di Milano ha fatto flop. Il presidente della regione Rosario Crocetta ha ordinato di fare marcia indietro sul ritiro della presenza della Sicilia a Milano. La Sicilia resterà infatti nel padiglione e cercherà di recuperare il tempo e l´immagine perduta. Per Crocetta si tratta solo di "ingenuità amministrativa e di difetto del piano di comunicazione" ma Expo 2015 è partita con il piede sbagliato. Si è cominciato con il flop dell´apertura quando il cluster era sporco, con acqua piovana che filtrava e con il commissariamento del commissario Dario Cartabellotta ritenuto responsabile del flop. Poi l´annuncio del ritiro ed infine la conferma della presenza. Anche perchè la Sicilia ha investito ben tre milioni in quella che appare ad ogni buon titolo una vera e propria avventura. Crocetta ha smentito se stesso a distanza di qualche ora: "Sarebbe criminale chiudere il cluster per colpe Expo. Manderemo una lettera di contestazione, se si dimostrerà un danno grave è chiaro che pagheranno. Verificheremo le responsabilità ma ora cominciamo a lavorare e superiamo le criticità".

E su Cartabellotta ha fatto un passo indietro: "Non c´e´ alcun intento censorio nei confronti del commissario Cartabellotta, anzi e´ stato un intervento a sua garanzia perchè siamo andati a verificare le responsabilità di tutti per garantire la trasparenza". "Sto valutando azioni civili", ha affermato ancora Crocetta, secondo cui "ci sarebbero già le condizioni perchè l´immagine della Sicilia e´ stata danneggiata, l´Expo doveva fornire i servizi che non ha fatto. Al di là delle clausole legali -ha specificato il governatore-, sentirò l´Avvocatura dello Stato per valutare se ci sono condizioni per avviare un´azione di risarcimento danni dell´immagine della Sicilia".

Nella foto Rosario Crocetta e Dario Cartabellotta