Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 797
PALERMO - 22/04/2015
Sicilia - Intanto aumentato di 100 mila euro il budget per i consulenti del presidente Crocetta

Bilancio regionale approvato in commissione, è già battaglia

Previsto un accantonamento negativo per 450 milioni di euro,fondi iscritti in entrata e che coprono parte della spesa per comuni, precari e forestali e che rimarranno ’congelati Foto Corrierediragusa.it

La commissione Finanze all´Ars ha approvato a maggioranza il bilancio di previsione per il 2015 ma è stata battaglia tra l´assessore al Bilancio Alessandro Baccei (nella foto) e le opposizioni. E´ stato previsto un accantonamento negativo per 450 milioni di euro,fondi iscritti in entrata e che coprono parte della spesa per comuni, precari e forestali e che rimarranno ´congelati fino a quando la Regione non firmerà gli accordi formali con lo Stato per 300 milioni di trasferimenti di quote Irpef e con la Cassa depositi e prestiti per 150 milioni legati alla moratoria per rate di vecchi mutui.

Baccei ha spiegato che almeno fino a giugno ci sarà la liquidità ma se gli accordi con Stato e Cdp non saranno firmati o saranno definiti con importi minori rispetto alle stime iscritte in bilancio il governo spalmerà le minori entrate sugli stessi capitoli di spesa congelati con tagli orizzontali. Dopo il bilancio, tocca alla finanziaria. La manovra è al vaglio della commissione Bilancio dell´Ars appena riunita per l´esame degli emendamenti. La manovra dovrebbe arrivare in aula lunedì ma ci sono ben 1.500 emendamenti in lista d´attesa Tra questi ha suscitato scalpore e critiche da parte delle opposizioni quello approvato in sede di commissione Bilancio all´Ars, che aumenta di 100 mila euro il budget del presidente Crocetta per pagare i suoi consulenti, perché il governatore aveva sbagliato a fare i conti.