Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1262
PALERMO - 25/03/2015
Sicilia - Si scontrò con Crocetta e Candela

Indagato Digiacomo per turbativa

Il governatore reagì con parole durissime, mentre il manager presentò un esposto in Procura Foto Corrierediragusa.it

Un avviso di proroga delle indagini è stata recapitata a casa del presidente della commissione Salute all´Ars Pippo Digiacomo (foto). L´accusa è quella di turbativa d´asta. Una indagine che riguarda il cosiddetto «efficientamento energetico» all´Asp di Palermo. Un appalto da 120 milioni che era stato al centro di una polemica tra il deputato del Pd e già sindaco di Comiso e l´attuale direttore generale dell´Azienda sanitaria palermitana Antonino Candela. Alle critiche di Digiacomo, Candela reagì con una esposto in Procura. L´inchiesta intanto proseguirà per altri sei mesi, come è stato comunicato al parlamentare. Digiacomo qualche giorno fa ha comunicato il fatto durante una seduta della commissione Salute, che presiede, mettendo sul piatto anche le sue dimissioni. «Ho detto ai miei colleghi deputati – ha commentato Digiacomo – se ritenevano opportuno che io facessi un passo indietro. Ho ricevuto invece la massima solidarietà e, all´unanimità, la richiesta di restare al mio posto».

Nel luglio scorso, la «lite» aveva coinvolto anche il presidente della Regione Crocetta. Digiacomo, infatti, aveva sollevato dei dubbi sull´effettivo risparmio che sarebbe arrivato dall´appalto sull´efficentamento energetico e anche sul vincolo (13 anni) dell´affidamento. E ricevette in quel caso la durissima replica del governatore Crocetta: «Sembra che l´onorevole Digiacomo – scrisse il governatore in una nota - negli ultimi tempi si stia divertendo a recitare a soggetto, solo che non avendo studiato all´accademia di arte drammatica, gli spettacoli gli vengono male. Digiacomo – aggiunse - vuole intervenire su una attività gestionale che appartiene per legge solo ai dirigenti e neppure al governo?

Il governo non si occupa di fatti che attengono all´autonomia gestionale dei dirigenti e il direttore Candela ha fatto delle scelte la cui competenza gli appartiene per legge. C´è una violazione di legge? Non credo. Il Digiacomo non butti in politica ciò che non ha nessuna connessione con la politica».

Livesicilia.it


TEATRO
25/03/2015 | 20.28.08
nacchere

A proposito del duo comico Crocetta-Digiacomo (militanti nello stesso partito, ma sempre tra loro in polemica feroce) stiamo ancora aspettando la querela promessa contro Crocetta circa l´ingerenza di Digiacomo sui trasferimenti degli addetti al 118. Crocetta ricorda l´attività teatrale (secondo lui fallita) del presidente della commissione sanità dell´ARS, ma anche il governatore non sembra un gran commediante. Farebbero bene entrambi a rivolgersi, per uno stage in Regione, al professionista Grillo...