Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1009
PALERMO - 13/03/2015
Sicilia - La Giunta Crocetta prevede anche la riduzione di consiglieri comunali e assessori

Tagli a pensioni e gettoni. La Sicilia diventa più "italiana"

Sindaci e consiglieri comunali siciliani guadagneranno dunque quanto i loro colleghi delle altre regioni Foto Corrierediragusa.it

La Sicilia diventa "italiana". E´ la filosofia delle nuove norme introdotte nella Finanziaria regionale. La giunta Crocetta ha infatti equiparato pensioni, composizioni di giunte e consigli comunali, gettoni di presenza, al resto d´Italia. Niente più privilegi anche per le pensioni che si mettono in linea con quanto viene corrisposte ai dipendenti dei dipendenti statali con un taglio medio finale di circa il 10 per cento.

Sindaci e consiglieri comunali siciliani guadagneranno dunque quanto i loro colleghi; l´esempio di Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, è emblematico. Il suo stipendio passerà dai 10 mila euro lordi ai 9.124 di Giuliano Pisapia, sindaco di Milano e a caduta tutti gli altri fino al sindaco del più piccolo comune siciliano. Anche i gettoni di presenza dei consiglieri comunali scenderanno in media del 20 per cento. Un taglio lineare voluto dall´assessore all´Economia Alessandro Baccei (nella foto) che ha voluto l´accoglimento della norma nazionale. Saranno meno numerosi anche i consigli comunali. A Palermo scendono da 40 a 38, Nei comuni tra i 50 a i 99 mila abitanti, come Ragusa, Vittoria e Modica, da 30 si passa a 28, quelli superiori ai 30 mila abitanti 26, quelli oltre i 10 mila abitanti ne eleggeranno 16 invece degli attuali 20. I Comuni oltre i tremila abitanti eleggeranno 12 consiglieri, e sotto questa soglia solo 10.