Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 498
PALERMO - 15/12/2014
Sicilia - Servono due milioni di euro

Tanti stipendi da pagare ma la Regione è a secco

I dipendenti riceveranno in questi giorni la mensilità di novembre (un milione di euro) Foto Corrierediragusa.it

Servono due milioni di euro per pagare stipendi e tredicesime di 20 mila dipendenti della Regione. Tra questi anche le aziende partecipate e gli enti che sono finanziati dalla Regione. Il governo di Rosario Crocetta (foto), tuttavia, è a secco e i lavoratori rischiano di passare il Natale senza un euro. La situazione è ancora più grave per alcuni enti i cui dipendenti, come Sviluppo Sicilia, l´ente di Sviluppo agricolo (Esa) e Ast sono in arretrato già di quattro mensilità. La situazione dell´Azienda siciliana trasporti (Ast) è quella più grave, con i 1.200 dipendenti che hanno ricevuto lo stipendio di ottobre a fine novembre, quello di novembre pochi giorni fa e non hanno alcuna garanzia sulla retribuzione di dicembre e sulla tredicesima. Per liquidare gli ultimi due stipendi la Regione deve trasferire all´azienda sette milioni di euro, che nessuno sa dove trovare ed è per questa incertezza totale che i sindacati hanno proclamato otto ore di sciopero per martedì.

Altri cinque milioni servono all´Ente di sviluppo agricolo per chiudere il 2014, garantendo la regolarità degli stipendi ai 763 fra dipendenti a tempo indeterminato e a termine. I dipendenti riceveranno in questi giorni la mensilità di novembre (un milione di euro), ma servono altri due milioni per tredicesime e stipendio di dicembre. E´ insomma una situazione al limite e proprio per risolvere una congiuntura difficilissima il governo Crocetta intende contrarre un mutuo da due miliardi di euro.


LICENZIATELI TUTTI
15/12/2014 | 9.40.40
bertoldo

Licenziateli tutti senza perdere altro tempo, come farebbe qualunque azienda che non sia in grado di andare avanti, tanto più che per il 90percento si tratta di gente del tutto inutile e di raccomandati.