Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 660
PALERMO - 03/12/2014
Sicilia - L’analisi di Bankitalia sullo stato congiunturale dell’economia siciliana

In Sicilia persi 37 mila posti di lavoro, si salva il turismo

Bene anche il trasporto aereo. Nei primi nove mesi dell’anno la quota di imprese industriali con fatturato in riduzione, ha superato quella delle aziende con ricavi in aumento Foto Corrierediragusa.it

Turismo e trasporto aereo sono le uniche attività che non soffrono i morsi della crisi ma per tutti gli altri comparti la Sicilia resta nel tunnel. L´analisi di Bankitalia sullo stato congiunturale dell´economia siciliana è per certi versi deprimente. Cedono gli investimenti e la fiducia degli imprenditori e la regione perde altri 37 mila posti di lavoro, con un tasso di disoccupazione che sfiora il 23%, peggio che nel resto del Paese. Nella prima parte del 2014 è dunque proseguita la fase recessiva. Le aziende hanno segnalato un calo della spesa per gli investimenti in tutti i settori principali.

Nei primi nove mesi dell´anno la quota di imprese industriali con fatturato in riduzione, ha superato quella delle aziende con ricavi in aumento. Nello stesso periodo è continuata la flessione dell´attività produttiva per l´edilizia e il fatturato nei servizi privati non finanziari è diminuito per circa la metà del campione. Di ripresa non si può dunque neppure parlare e la fase recessiva che ha investito la Sicilia già dal 2007 continua. Secondo i dati di Bankitalia è già costata tanto in termini di Pil, intorno al 13%, e di occupazione. Un quadro "fragile" che spiega anche perchè le imprese investono poco e riducono gli investimenti.