Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 763
PALERMO - 29/11/2014
Sicilia - I provvedimenti sono stati comunicati all’Autorità Nazionale Anticorruzione

Sospesi da Cas dirigente e dipendenti

Il Cas ha sospeso pure una aggiudicazione definitiva in favore di una società che, per il tramite dei suoi organi, appare gravemente coinvolta nel procedimento penale Foto Corrierediragusa.it

Il Consorzio per le Autostrade Siciliane, in relazione al procedimento penale che vede indagati a vario titolo un dirigente e i dipendenti dell´Ente, ha provveduto a sospendere quelli soggetti a misura cautelare. Il Cas ha sospeso pure una aggiudicazione definitiva in favore di una società che, per il tramite dei suoi organi, appare gravemente coinvolta nel procedimento penale, allo stato nella fase delle indagini preliminari. La questione e i provvedimenti adottati sono stati comunicati all´Autorità Nazionale Anticorruzione con una nota (inviata per conoscenza al Prefetto di Messina), propedeutica all´eventuale adozione da parte dei competenti organi delle misure previste dal D.L. n. 90/14 (commissariamento) in danno dell´impresa coinvolta.

Al centro delle indagini la presunta turbativa d´asta per l´assegnazione dei lavori del servizio di sorveglianza per la A18, la Messina-Catania, la Siracusa-Rosolini e la A20, la Messina-Palermo. Sono otto gli arresti domiciliari nell´operazione Tekno che ha coinvolto imprenditori e funzionari del Consorzio autostrade siciliane. Nel mirino della Direzione investigativa antimafia ci sono quindi funzionari del Cas e imprenditori accusati a vario titolo di turbativa d´asta, induzione a dare o promettere utilità e istigazione alla corruzione. I coinvolti sono dieci (otto agli arresti domiciliari, due destinatari della misura interdittiva del divieto di esercitare imprese). Sequestrati centomila euro. Coinvolto anche un dirigente del Cas ora sospeso dallo stesso Consorzio.