Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1124
PALERMO - 20/11/2014
Sicilia - Manca la sicurezza, le gallerie sono una trappola, la segnaletica è carente

Le condizioni critiche delle autostrade siciliane

I problemi irrisolti del sistema viario si ripercuotono direttamente sugli utenti della strada Foto Corrierediragusa.it

Come se non bastasse l´inchiesta della Procura di Messina che ha investito il Consorzio Autostrade Siciliane, Cas, è arrivato ora l´atto di accusa degli ispettori regionali sullo stato delle autostrade siciliane. Sono tre pagine in cui si elencano tutti i problemi irrisolti del sistema viario autostradale che si ripercuotono direttamente sugli utenti della strada. Eppure per la sicurezza il Cas dovrebbe spendere per statuto il 34 per cento dei 90 milioni di euro che ogni anno incassa per i pedaggi. Niente di tutto ciò, almeno finora. Sulle autostrade siciliane manca la sicurezza, le gallerie sono una trappola, la segnaletica è carente. L´elenco non finisce qui. "A volte manca la segnaletica adeguata, le colonnine Sos risultano non funzionati - si legge nella relazione - gli aeratori nelle gallerie sono disattivati e questo crea una scarsa visibilità dovuta ai gas di scarico non smaltiti e si segnalano le alte concentrazioni di idrogeno solforato, che rendono il passaggio pericoloso per la salute degli utenti e sgradevole all´odore. In alcune gallerie si deve segnalare la totale mancanza d´illuminazione ".

Un capitolo a parte riguarda l´asfalto: "Occorre segnalare che la deformazione dell´asfalto è presente praticamente in tutti i punti nei quali non si registrano interventi manutentivi recenti, ma più di tutto preme far presente la mancata posa in opera dell´asfalto drenante, che oltre ad avere una elevata resistenza all´usura, aumenta il livello di sicurezza". Tutto male, o quosi, dunque eppure il Cipe ha finanziato opere per la sicurezza per 54 milioni. A questi bisognerebbe tuttavia aggiungere il cofinanziamento del Cas che ancora non è stato fatto e chissà. con le vicende giudiziarie di questi ultimi giorni, se mai arriverà.