Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 832
PALERMO - 14/11/2014
Sicilia - La Corte Costituzionale mette fine alla figura

Non esiste più il commissario dello Stato in Sicilia

Era stato istituito subito dopo l’autonomia Foto Corrierediragusa.it

La Corte Costituzionale mette fine alla figura del Commissario dello Stato in Sicilia. Istituito subito dopo l´autonomia il commissario operava un controllo preventivo sulle leggi promulgate dall´Assemblea regionale e molte volte, soprattutto nei casi di leggi finanziare, le impugnava. Per molti governi più che una figura di garanzia è stato un vero e proprio nemico cui sfuggire. La decisione storica di cancellare la figura del commissario dello Stato è stata presa dalla Corte costituzionale. I dubbi sulla costituzionalità del commissario dello Stato erano stati sollevati dalla stessa Corte costituzionale che con l´ordinanza pubblicata ha messo fine al dubbio. Secondo la Consulta, infatti, «il peculiare controllo di costituzionalità delle leggi dello statuto di autonomia della Regione siciliana – strutturalmente preventivo – è caratterizzato da un minor grado di garanzia dell’autonomia rispetto a quello previsto dall’articolo 127 della Costituzione.

Al riguardo, questa Corte ha infatti affermato che "la soppressione del meccanismo di controllo preventivo delle leggi regionali, in quanto consente la promulgazione e l’entrata in vigore della legge regionale si traduce in un ampliamento delle garanzie di autonomia». Da questo momento in poi, così come avviene nelle altre regioni italiane le leggi potranno essere impugnate davanti alla Corte costituzionale soltanto dal governo nazionale.