Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1098
PALERMO - 25/07/2014
Sicilia - Interessati Mistretta, Modica e Nicosia

Ars dice "Sì" a referendum sui tribunali soppressi

Il quesito referendario, già promosso da altri Consigli regionali, sarà presentato alla Corte di Cassazione e valutato dalla Corte Costituzionale Foto Corrierediragusa.it

L´Assemblea regionale ha dato il via libera alla proposta di referendum abrogativo contro la disposizione del governo nazionale che prevede la riorganizzazione degli Uffici giudiziari che ha portato dallo scorso settembre alla chiusura dei tribunali di Nicosia, Modica (nella foto: la sede) e Mistretta.

Il quesito referendario, già promosso da altri Consigli regionali, sarà presentato alla Corte di Cassazione e valutato dalla Corte Costituzionale. Delegati dell´Assemblea regionale a presentare i tre quesiti presso la Cassazione sono stati eletti i deputati Alice Anselmo e Toto Cordaro.

«La decisione dell´Assemblea regionale - dice Mario Alloro (Pd) di proporre un referendum abrogativo di alcune delle disposizioni sancite dalla norma, può dare alla Sicilia la possibilità di rimettere in discussione la decisione del governo nazionale. La soppressione dei tribunali e delle sezioni distaccate previste dal decreto legislativo creerebbe gravi disservizi e disagi ad una vasta fascia di utenza con notevoli conseguenze economiche e sociali per i circondari interessati. Ci auguriamo che la Corte di Cassazione valutando l´ammissibilità dei quesiti, possa tener conto delle ragioni a supporto della richiesta e delle penalizzazioni che la Sicilia potrebbe subire con la soppressione dei tribunali".