Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 938
PALERMO - 23/04/2014
Sicilia - Previsto un mutuo di quasi 1 miliardo di euro per fare fronte ai debiti della P.A.

Ars approva legge "Salva imprese", pagamenti salvi

I grillini in chiusura di seduta hanno chiesto le dimissioni di Crocetta Foto Corrierediragusa.it

L´Assemblea regionale siciliana ha approvato il ddl "salva-imprese", che prevede un mutuo, con piano di ammortamento trentennale, di quasi 1 miliardo di euro per fare fronte ai debiti della pubblica amministrazione in Sicilia nei confronti delle imprese. Gli oneri finanziari dell´ operazione saranno coperti dalle addizionali Irap e Irpef, stimate per gli anni 2015 e 2016, in 330,51 milioni di euro. Tra quota d´interessi e quota capitale, la Regione pagherà 47,7 milioni nel 2015 e altrettanti nell´anno successivo.

Il ddl paga imprese sbloccherà crediti per un miliardo, dei quali 600 milioni solo per il comparto della Sanità. Circa 6 mila le aziende creditrici che riceveranno i pagamenti. Dal pagamento dei debiti verso le imprese, il governo Crocetta ha stimato maggiori entrate Iva, già per quest´anno, pari a 40 milioni. A questa legge è legata anche l´erogazione di un vecchio mutuo da 360 milioni di euro che serve alla cassa regionale: senza questi fondi erano a rischio anche gli stipendi dei regionali. "Si tratta solo di una norma manifesto, non è prevista alcuna riduzione certa delle tasse", attaccano i cuperliani del Pd e i grillini.

I grillini in chiusura di seduta hanno chiesto le dimissioni di Crocetta: "Bisogna staccare la spina a questo governo, oggi celebriamo il funerale della Regione, con un presidente che dirige la banda musicale che intona la marcia funebre".