Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 850
PALERMO - 12/04/2014
Sicilia - Il Presidente della Regione ha rotto ogni indugio ma nel Pd e Udc è guerra

Crocetta bis: assegnate le deleghe

Sono state confermate tutte le donne uscenti. Roberto Agnello all’Economia, Salvatore Calleri all’Energia e rifiuti Foto Corrierediragusa.it

Rosario Crocetta (nella foto) rompe ogni indugio ed assegna le deleghe ai suoi dodici assessori. Dopo una lunga giornata che ha visto ad un certo punto il naufragio del Crocetta bis ed in prospettiva il rimpasto del rimpasto, Crocetta è andato avanti, ha confermato i nomi annunciati ed ha assegnato le deleghe. Tutto da vedere quali saranno le reazioni dei partiti della maggioranza, dal Pd all´Udc, che hanno lanciato strali contro il presidente della regione. "Mi assumo la responsabilità di fare la giunta. Voglio fare il Presidente della Regione e voglio farlo con mitezza e fermezza. Sono pronto al dialogo ma quando tutti remano contro e verso obiettivi opposti bisogna prendere il comando e navigare verso il progetto che è stato suggellato con i cittadini con il voto" ha detto Crocetta ed ha annunciato le sue decisioni.

I nuovi assessori designati sono: Roberto Agnello all´Economia, Salvatore Calleri all´Energia e rifiuti, Ezechia Paolo Reale all´Agricoltura, Nico Torrisi alle Infrastrutture e Mobilità, Giuseppe Bruno, Famiglia, Lavoro, Welfare e Protezione civile, Antonio Fiumefreddo ai Beni culturali. Sono i nomi nuovi della giunta che sarà composta anche dalle sei donne che il presidnete ha confermato pur cambiando alcune deleghe. Lucia Borsellino resta alla Sanità, Nelli Scilabra alla Formazione, Linda Vancheri alle Attività Produttive, Michela Stancheris al Turismo, Patrizia Valenti alla Funzione Pubblica, Maria Sgarlata va invece al Territorio ed Ambiente.