Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1241
PALERMO - 11/02/2014
Sicilia - Secondo i dati dell’annuale Report della Fondazione Curella

Lavoro in Sicilia in caduta libera: il 2014 sarà nero

Secondo il Report Sicilia, il Prodotto interno lordo della Sicilia ha registrato nel 2013 una flessione attorno al 3,2%, mentre per l’Italia si stima un calo del 1,8% Foto Corrierediragusa.it

La crisi non lascia la Sicilia. Nel 2013 sono stati 67 mila occupati in meno e nel 2014, secondo i dati del 40mo report Sicilia curato dalla Fondazione Curella di Palermo, la disoccupazione toccherà il 22 per cento nonostante nel corso di quest´anno alcuni indicatori facciano sperare in una attenuazione della fase recessiva in Sicilia il risveglio di domanda e produzione arriverà con forte ritardo.

Secondo il Report Sicilia, il Prodotto interno lordo della Sicilia ha registrato nel 2013 una flessione attorno al 3,2%, mentre per l’Italia si stima un calo del 1,8%. Nei sei anni di crisi la caduta complessiva della ricchezza prodotta sfiora il 14% nell’Isola e l’8,6% a livello nazionale. Di riflesso alla forte erosione del potere d’acquisto, i consumi delle famiglie ripiegano di un ulteriore 3,7% a fronte del -2,5% nella media dell’Italia. Nei sei anni di recessione le famiglie siciliane hanno subito un taglio dei consumi di circa il 12%, e quelle italiane una flessione dell’8%. Per gli investimenti fissi i preconsuntivi del 2013 sono ancora più sfavorevoli, riportando un crollo del 6,2% cui fa riscontro in Italia un cedimento del 5%.

Nel 2013 il numero delle persone in cerca di lavoro sul territorio regionale è di oltre 350.000 unità, 110.000 in più di due anni prima e circa 130.000 in più del 2007. Si rileva dunque un tasso di disoccupazione del 20,9%, superiore di 2,3 punti al dato del 2012 e di ben otto punti al tasso di sei anni prima (13,0%). La crisi ha avuto effetti devastanti sulla disoccupazione giovanile, che ormai dovrebbe aver superato abbondantemente il 50% delle ragazze e ragazzi che nella regione cercano lavoro.