Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 550
PALERMO - 15/01/2014
Sicilia - Dopo una seduta - maratona di ben 14 ore

Ars approva legge stabilità con 39 voti

Il presidente Crocetta è soddisfatto per essere riuscito a portare in porto una manovra difficile molto ristretta per via dei tagli imposti Foto Corrierediragusa.it

Quattordici ore di seduta, dalle 13 alle 3 di notte, ma alla fine la Legge di Stabilità è stata approvata dall´Ars. Il documento finanziario è stato approvato con 39 voti favorevoli e 22 contrari, quelli del gruppo M5S che ha votato no in modo compatto mentre Vincenzo Vinciullo, NCD, si è astenuto. Cospicue le assenze in aula, ben 22 parlamentari non si sono presentanti nonostante l´atto sia il più importante dell´anno. L´Ars ha anche approvato il Bilancio con 44 favorevoli e 22 contrari. Il presidente Crocetta è soddisfatto per essere riuscito a portare in porto una manovra difficile molto ristretta per via dei tagli imposti. Dice Rosario Crocetta: "Dal 2005 non si approvavano una Finanziaria e un bilancio definitivi a gennaio. E poi ci sono tante norme importanti, come quella che cancella le partecipate dello spreco. Mi accusano di fare norme manifesto? Sono cose buone, se poi fanno pure la loro parte nel consenso, non ci vedo nulla di male".

Soddisfatto anche l´assessore all´Economia, Luca Bianchi: "Un anno fa poco abbiamo trovato una Regione con conti poco trasparenti e si era sull´orlo del fallimento. Questa Finanziaria ha un´anima, continuiamo anche quest´anno con il risanamento con 300 milioni di tagli per i precari. Manca solo la legge salva-imprese. Ma c´è l´impegno e l´intenzione di insistere, di portarla avanti. La manovra sarà veramente conclusa quando ci sarà anche quella".

Movimento 5Stelle e Nuovo centrodestra parlano invece di occasione perduta per la Sicilia e lamentano l´assenza di misure per lo sviluppo, mentre Forza Italia rivendica di aver imposto al governo alcuni miglioramenti del testo della Finanziaria. Duri anche i deputati M5S. "Si è preferito - dicono - pensare a petrolieri e a proprietari di cave, tranne che ai siciliani". "Una manovra brutta nei contenuti e anche nella forma - continua la nota dei grillini - che attesta un modo di lavorare molto approssimativo di questo Parlamento e, soprattutto, del governo, che porterà a cozzare contro il muro del commissario dello Stato. La Finanziaria è stata riscritta direttamente in aula, a dispetto di quanto esitato in commissione Bilancio. Siamo certi che saranno molte le norme impugnate".

I deputati M5S salvano le norme sul fronte dei diritti civili, che portano benefici alla coppie di fatto, sia etero che gay, e l´essere riusciti a tirare fuori dal calderone della manovra il mutuo da un miliardo di euro che avrebbe condannato i siciliani a 30 anni di rimborsi".