Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 879
PALERMO - 09/01/2014
Sicilia - Ad un anno della sua elezione Giovanni Scaramazza ha gettato la spugna

Mozione di sfiducia, si dimette presidente Coni regionale

"Ho deciso di fare un passo indietro a causa delle spaccature interne Ho provato tante volte a parlare con i componenti della giunta che si sono dimessi senza capirne i motivi" Foto Corrierediragusa.it

Giovanni Caramazza (nella foto), presidente del Coni Sicilia, si è dimesso. L´annuncio è arrivato nel corso di una conferenza stampa nella sede del comitato regionale. Si conclude un triste momento per lo sport siciliano, iniziato a dicembre con le dimissioni di tre componenti della giunta regionale, Sergio Parisi (Fin), Roberta Cascio (Cip) ed Enzo Falzone (Fipav), e la mozione di sfiducia firmata da 37 consiglieri federali nei confronti del presidente del Coni Sicilia.
Subentrato a Massimo Costa, dimessosi per concorrere alla carica di sindaco di Palermo, finisce così la presidenza di Giovanni Caramazza dopo quasi un anno di carica al Coni Sicilia.

"Ho deciso di fare un passo indietro a causa delle spaccature interne – ha dichiarato Caramazza - Ho provato tante volte a parlare con i componenti della giunta che si sono dimessi senza capirne i motivi. Con le loro dimissioni, il 23 dicembre scorso, è sorto indubbiamente un problema. Non c´è pericolo di commissariamento. Ho parlato con il presidente Malagò della mia decisione, presa da qualche giorno, e del futuro: ci sarà una reggenza, ma non è stato deciso ancora il nome, si terrà certamente conto del parere delle persone che hanno lavorato bene, senza lacerare e anzi ricucendo gli strappi".

Il nome del prossimo presidente del Coni Sicilia, dunque, è ancora lontano. La reggenza può durare da tre mesi ad un anno e dopo saranno indette le nuove elezioni.