Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 744
PALERMO - 08/12/2013
Sicilia - La norma è stata inserita nel testo della Finanziaria approvato dal governo Crocetta

La Regione Siciliana aiuta le coppie di fatto

Via libera al reddito minimo garantito per i nuclei familiari meno abbienti Foto Corrierediragusa.it

La Regione inserisce le coppie di fatto in tutti i finanziamenti destinati al sociale e alle famiglie, dal bonus bebè ad altre inziative che saranno previste in Finanziaria, come i contributi per le giovani coppie che vogliono acquistare o ristrutturare immobili. Ad annunciarlo è il governatore Rosario Crocetta, dopo la lunga discussione in giunta terminata alle tre di questa mattina, per il varo di bilancio e Finanziaria: "Abbiamo previsto due norme per le coppie di fatto regolarmente iscritte al registro delle unioni civili dei Comuni - dice Crocetta - la prima riguarda i contributi alle giovani coppie che vogliono acquistare casa. La seconda, invece, estente i benefici che dà o darà la Regione per le famiglie anche alle coppie di fatto. Mi pare davvero una norma rivoluzionaria che dimostra come la Sicilia possa essere all´avanguardia in Italia". Tra le novità inserite nel testo della Finanziaria anche il reddito minimo garantito per le famiglie, anche coppie di fatto, senza reddito: "Daremo un contributo di 400 euro al mese per queste famiglie, aiutando davvero chi è in difficoltà economcia, anche questa una grande novità", dice il governatore.

Confermate poi le altre misure che porteranno a una riduzione della spesa pari a circa 350 milioni di euro. Dal taglio dei fondi all´Assemblea regionale ai risparmi nelle società partecipate e sui forestali. Sarà ridotto anche il contratto con i privati del trasporto pubblico locale e marittimo. Repubblica.it

Nella foto la sede dell´Ars a Palermo